Eraclea Minoa: Cambia volto la spiaggia, torna la sabbia e il Comune fa pulizia dell’arenile

104

Cambia volto il litorale di Eraclea Minoa dove la natura restituisce in parte la spiaggia di sabbia dorata e dove l’amministrazione civica fa pulizia dell’arenile, eliminando i reperti spiaggiati e i tronchi di alberi del bosco demaniale stroncati nel periodo invernale dai marosi che in questi decenni hanno eroso una tra le più belle e selvagge spiagge del litorale agrigentino.
Non sembra vero a turisti e visitatori che la spiaggia sia tornata quasi all’antico splendore. Gioiscono pure i ristoratori, da decenni presenti tra bosco e mare, i quali vedono tornare massicciamente i bagnanti. La natura fa e disfà. Il mare ha buttato fuori tanta sabbia che, già inghiottita dalle mareggiate, ha permesso di allargare naturalmente il litorale come mostrano le foto riprese dall’assessore comunale Giuseppe Terrasi. L’ampliamento è stato determinato anche dall’abbattimento di tanti alberi del bosco del demanio forestale le cui radici sono state raggiunte dall’acqua salata che ne ha determinato la morte.
Tanto spazio oggi in spiaggia anche per tenere le distanze di sicurezza previste dalle misure anti covid 19. L’amministrazione comunale, dal canto suo, ha fatto ripulire tutto l’arenile dagli oggetti che il mare ha trascinato ultimamente sulla spiaggia, tronchi, arbusti, residui boschivi, oggetti di plastica e perfino qualche pneumatico, in arrivo dalla vicina foce del fiume Platani.
“L’obiettivo è di riportare la località di Eraclea Minoa – dice l’assessore Giuseppe Terrasi – in breve tempo in cima alle mete turistiche agrigentine, come le compete per la peculiarità naturale dell’area”.
Va oltre il sindaco Santino Borsellino che fin dagli anni del suo insediamento ha indirizzato gli sforzi amministrativi per realizzare quel progetto di salvaguardia di spiaggia e costa di cui si è parlato per decenni. “A settembre partiranno i lavori per la realizzazione del frangiflutti – afferma il primo cittadino cattolicese – il progetto ha superato la normativa del Via, l’opera pubblica, finanziata dalla Regione Siciliana per poco più 4 milioni di euro, è stata già appaltata ad un’impresa veneta che dovrà realizzare pure il ripascimento della spiaggia. Intanto, con fondi comunali provvediamo a pulire periodicamente la spiaggia per far tornare numerosi i visitatori”.