Ribera: Il commissario Firenze chiarisce: “Nessuna relazione tra il feto morto e il tampone positivo della madre”

2410

Il commissario straordinario degli ospedali riuniti di Sciacca e Ribera Alberto Firenze chiarisce i rapporti tra la madre riberese, positiva al coronavirus, e il feto morto. Non ci sarebbe nessuna relazione tra il feto nato morto e il tampone positivo della donna che lo ha partorito.
Questo è quanto ha detto il commissario ad acta per l’emergenza coronavirus che da alcuni giorni sta operando all’ospedale “Giovanni Paolo II” ed è quanto riportato dal giornale quotidiano La Sicilia, in una corrispondenza da Sciacca, stamattina .
Alberto Firenze torna a sottolineare che la struttura sanitaria è perfettamente funzionante, che si stanno completando tutti gli interventi di sicurezza che servono a separare i percorsi tra i sospetti di contagio e la normale utenza.
Per il commissario nel caso del feto morto non ci sarebbero state le condizioni per sottoporre la paziente del reparto di ostetricia e ginecologia al tampone, fatto dai sanitari solo per scrupolo.