Calamonaci: Gli alunni della scuola media vincono il premio sulla Shoah a Castiglione di Sicilia

775

L’istituto comprensivo “Don Bosco”, diretto dalla prof.ssa Anna Maria Conti, ha preso parte al concorso regionale “La Shoah, gli eccidi Nazisti e i luoghi della guerra”, promosso dal comune di Castiglione di Sicilia in provincia di Catania, risultando vincitore assoluto per la propria classe di concorso. La classe 3^ della scuola “V. Spataro”, coordinata dalla prof.ssa Elena Accardi, ha realizzato un cortometraggio di 25 minuti, dal titolo: “La corrispondenza epistolare tra Giovanna e Santo. Febbraio 1942-Dicembre 1943”.
I vincitori del concorso, Sonya Lucia Ciancimino, Emma Colletti, Federico D’Alcamo, Salvatore Gargano, Emily La Cascia, Gabriel Giovanni Leotta, Veronica Lo Vetere, Mariarita Marchese, Alessandro Mirabile, Giada Mirabile, Elise e Felicia Peeters, Evelyn Maria Pellegrino, verranno premiati lunedì 27 gennaio prossimo nella sala consiliare del comune di Castiglione di Sicilia..

Il cortometraggio racconta la storia di una grande amicizia, quella tra Giovanna e Santo. Il loro reciproco affetto li terrà uniti e li sosterrà durante gli anni difficili della 2^ guerra mondiale. Due piccoli paesi siciliani Castiglione di Sicilia e Calamonaci faranno da sfondo alla loro corrispondenza epistolare, alle loro paure, alle loro speranze, alla loro quotidianità. Giovanna e Santo non si rincontreranno mai più. Giovanna riuscirà a salvarsi durante il bombardamento avvenuto a Calamonaci il 28 maggio 1943, Santuzzo troverà la morte ucciso dai Nazisti a Castiglione di Sicilia il 12 agosto.1943.
Il sindaco del comune di Calamonaci, Pellegrino Spinelli, si dice essere orgoglioso del lavoro svolto dai suoi piccoli concittadini, che si sono documentati presso l’archivio storico comunale, ma anche hanno raccolto le testimonianze dirette di chi questo tempo l’ha vissuto, come la signora Giovanna Gioia e il signor Vincenzo Riggi. “Il merito – afferma la dirigente scolastica Anna Maria Conti – va ai ragazzi, ai docenti per l’impegno didattico, alle famiglie per la collaborazione e all’amministrazione comunale che segue da vicino gli alunni”.