Ribera: La compagnia aerea Ryanair blocca a Valencia una studentessa priva di carta di identità rubatale

5673

Studentessa universitaria riberese, in Spagna con progetto Erasmus, rimane bloccata all’aeroporto di Valencia perché la compagnia aerea irlandese Ryanair non la fa partire, con la sua famiglia, in quanto la ragazza, che studia lettere a Parma, non aveva più la carta di identità, rubatale, con soldi e documenti vari, sul pullman urbano. Si tratta di Giulia Indelicato che ieri doveva tornare in Sicilia con i genitori Margherita ed Alfonso e il fratello Vincenzo che erano andati a trovarla per una vacanza. I controllori della compagnia aerea non l’hanno voluta far passare, nonostante la studentessa avesse presentato fotocopia cartacea della carta di identità, anche in pdf, tessera universitaria spagnola con foto, contratto di affitto dell’appartamento di Valencia e denuncia dello scippo presentata alla polizia spagnola.


Pare che sulla denuncia manchi un timbro del consolato italiano di Valencia che nella giornata di venerdì era chiuso per la festa della Costituzione Spagnola, sabato e domenica pure, per cui l’appuntamento è fissato per domattina. Intanto il volo di ritorno per la famiglia Indelicato era programmato per ieri pomeriggio. Sono partiti alla volta di Palermo soltanto la madre Margherita e il fratello Vincenzo. Il genitore Alfonso è rimasto con la figlia (nella foto) in attesa di ripartire martedì prossimo, se troverà posto in aereo, con onerose spese per nuovi biglietti, albergo e ristorazione. Il console onorario di Valencia non rispondeva al telefono, quello di Barcellona era troppo lontano per potere intervenire subito. Alfonso Indelicato ha scritto subito al Ministero degli Esteri a Roma perché bloccato in Spagna.