Ribera: Borgo Bonsignore è un bene culturale. Firmato il decreto della Regione

1225

Borgo Bonsignore, dopo i fondi della Regione, arriva anche il riconoscimento da parte dell’assessorato regionale ai Beni culturali.

Nei giorni scorsi il dirigente generale Sergio Alessandro ha infatti riconosciuto il vincolo dell’interesse culturale del complesso immobiliare “Borgo Antonio Bonsignore” che si trova a Ribera ed è di proprietà dell’Ente di Sviluppo Agricolo. Un provvedimento che non nasce dal nulla ovviamente, ma che arriva in seguito ad un procedimento da parte della Soprintendenza di Agrigento che ha valutato preliminarmente il valore da un punto di vista architettonico e storico di tutto il complesso immobiliare costituito “dalla piazza, dalla chiesa e dalla canonica, dal dispensario medico, dalla scuola, dalla delegazione podestarile, dalle botteghe artigiane, dagli uffici dell’Ente, dalla trattoria e dalla rivendita, dall’ufficio postale e dalla caserma dei Carabinieri”.

Un unico blocco, sostanzialmente, che presenterebbe un interesse artistico, storico, archeologico o etnoantropologico come dice la legge, dato che “per le sue peculiarità e caratteristiche architettoniche, connota qualitativamente il territorio rappresentandone un segno identitario ed è testimonianza di un periodo storico e delle sue trasformazioni socio-economiche”.

Questo proteggerà il borgo in prospettiva, dato che qualunque intervento che possa modificarne la struttura urbanistica dovrà pssare dal via libera della Soprintendenza.

Gioacchino Schicchi

Giornale  La Sicilia