Villafranca Sicula : Tempi lunghi per la regimentazione del fiume Sosio-Verdura. Sette sindaci a Palermo da Musumeci.

233
 Si allungano i tempi per la regimentazione del fiume Sosio-Verdura che attraversa i territori di ben sette comuni che nello scorso autunno hanno subito gravi danni per l’alluvione e che hanno bisogno di urgenti interventi di risagomatura degli argini e di pulizia degli argini. Questo è quanto venuto fuori ieri mattina dal vertice che si è tenuto a Palermo, a Palazzo D’Orleans, dove i sindaci e gli amministratori comunali di Villafranca Sicula, Burgio, Calamonaci, Caltabellotta, Ribera, Sciacca e di Chiusa Sclafani hanno incontrato, per fare il punto sul progetto delle opere da realizzare, il presidente Musumeci, l’assessore regionale a Territorio ed Ambiente Cordaro, il direttore generale della protezione civile Foti, il responsabile del dipartimento del dissesto idrogeologico Croce.
Il sindaco di Villafranca Sicula Domenico Balsamo, a nome dei colleghi, ha fatto la storia dell’alluvione, dei danni, degli interventi, delle riunioni e del progetto iniziale finanziato per circa 6 milioni di euro. Il presidente Musumeci ha spiegato che i ritardi sono dovuti alla burocrazia per i tanti pareri di enti vari in quanto il lungo corso del fiume attraversa zone Sic di interesse comunitario. Ha chiesto, per superare l’impasse ambientale, il parere dell’Avvocatura dello Stato, dopo il parere favorevole della direzione regionale dei LL.PP. e con una richiesta anche alla direzione nazionale della protezione civile.
Si faranno pressioni sulle istituzioni per l’espressione dei pareri necessari. Il presidente Musumeci ha annunciato un altro incontro entro fine mese per informare dello stato dell’opera. Pare che su alcuni tratti del fiume, non coperti da Sic, si potrebbe intervenire.
“La preoccupazione del settore agricolo – spiega il primo cittadino Balsamo – riguarda i rischi che migliaia di aziende corrono se dovessero arrivare piogge alluvionali, come accade ogni anno. Sono a forte rischio la vita delle aziende, i mezzi agricoli, la fiorente agrumicoltura, la viabilità e gli stessi agricoltori”.