Agrigento : Finanziati per 6 milioni di euro le aree protette di Sambuca, Bivona, Lampedusa e Sant’Angelo Muxaro

194
Sono oltre sei milioni di euro i finanziamenti che arriveranno complessivamente in provincia di Agrigento dalla Regione Siciliana per il miglioramento e lo sviluppo delle aree protette. Con il piano regionale, su appositi progetti presentati, si punta al recupero e alla realizzazione di sentieri, ciclovie su ex tratte ferroviarie e su aree con reti pedonali.  A beneficiarne, su 27 milioni di euro, sarà anche la provincia di Agrigento con i territori dei comuni di Sambuca di Sicilia, Bivona, Lampedusa e San Biagio Platani. L’assessorato regionale al Territorio ed Ambiente ha precisato che si tratta di finanziamenti concessi ai Comuni e alle associazioni ambientaliste.
ll primo beneficiario, con una grossa somma, 4,3 milioni di euro, sarà il comune di Sambuca di Sicilia che realizzerà la “Green Way Terre Sicane”, una pista ciclabile di 15 chilometri che attraverserà  anche i territori di Caltabellotta e di Bisacquino. “Si snoderà quasi a ridosso dell’ex stazione ferroviaria di contrada Gulfa di Santa Margherita Belice sino alla stazione di San Giacomo – ci dice il sindaco di Sambuca Leonardo Ciaccio – il tracciato attraverserà anche la galleria sotto la città. Una ciclovia fantastica di cui si aspetta il decreto e per la quale contiamo l’appalto entro l’anno”.
Bivona godrà del finanziamento di un milione e 100 mila euro per la tutela e valorizzazione del geosito di Pizzo Mondello. Il sindaco Milko Cinà “Si tratta di un’opera che aumenterà l’attrattività delle risorse naturali dell’area e del Pizzo del Triassico con una parete di 450 metri di calcari pelagici-emipelagici e su una superficie di 12 ettari con percorsi carrabili, destinato a disabili e cicloturisti”.
A Lampedusa Lega Ambiente, che gestisce la riserva naturale, spenderà 566 mila euro per diversificazione e potenziamento del sistema di fruizione. A Sant’Angelo Muxaro il gestore della riserva avrà a disposizione 125 mila euro per migliorare il sistema di fruizione sostenibile dell’area.