Ribera, conferenza stampa dell’opposizione: Tra gli attacchi ad un’amministrazione inconcludente il probabile candidato a sindaco del 2020

1713

Ha avuto luogo ieri presso la sala convegni del Comune di Ribera la conferenza stampa dell’opposizione consiliare del Comune di Ribera. Una conferenza che ha permesso agli operatori politici presenti di fare un resoconto dell’operato dell’amministrazione del sindaco Pace, giunto ormai all’ultimo anno del suo secondo mandato. Una conferenza che, a detta degli intervenuti, andava fatta anche considerando i recenti sviluppi politici che hanno visto i consiglieri Caico e Angileri passare tra gli scranni dell’opposizione nel maggio scorso. Presenti l’on. Nenè Mangiacavallo, il sen. Giuseppe Ruvolo, l’avv. Matteo Ruvolo, i consiglieri Farruggia, Tramuta, Mulè, D’Azzo, Failla, Lupo, Li Voti, e i già menzionati Caico e Angileri e Gaspare Noto, coordinatore di Progetto Comune. Uniti, come ampiamente ribadito durante gli interventi, nel portare avanti un progetto condiviso e per continuare la battaglia iniziata nel 2015.


Ad aprire il dibattito, coordinato da Leonardo Augello, è l’on. Mangiacavallo che con il suo corposo intervento ha compiuto una disamina dell’operato del Sindaco Pace, il quale con la sua amministrazione ha condotto la città di Ribera ad un livello preoccupante da un punto di vista, in primis, sociale e culturale. “Un’amministrazione poco attenta al rispetto delle regole, bugiarda e inattendibile”, aggettivi dallo stesso Mangiacavallo definiti pesanti ma dal suo punto di vista realistici. Tante le promesse fatte da questa amministrazione, continua l’onorevole, ma nessuna di queste mantenuta. Un’amministrazione che, secondo un pensiero condiviso da chi ha preso la parola, dovrebbe prendere atto del suo fallimento e staccare la spina.
Subito dopo è il senatore Ruvolo a prendere la parola, il quale si dice disposto a continuare il percorso iniziato nel 2015 ma che, allo stesso tempo, non prende impegni per il 2020 aspettando che si tratteggino in maniera definitiva coalizione e candidati.
Altro intervento rilevante è quello dell’avvocato Matteo Ruvolo, che velatamente o volutamente comunica che il suo nome è il più gettonato dai presenti come prossimo candidato a sindaco nelle amministrative del 2020. L’avvocato nel lamentare, tra le altre cose, la mancata approvazione del bilancio da parte dell’amministrazione vigente, afferma che il futuro della città di Ribera non è certo roseo “a causa di un sindaco che ha deluso le aspettative di tutti, soprattutto di chi lo ha sostenuto in campagna elettorale”.
I punti di forza nel 2020 saranno il rilancio dell’agricoltura e del territorio, il turismo, il coinvolgimento delle organizzazioni di categoria e della società civile in generale.
Si sono susseguiti gli interventi di Gaspare Noto, dei consiglieri Caico, Angileri, Tramuta e D’Azzo. Quest’ultimo ha ribadito che il candidato a futuro sindaco di Ribera non sarà un uomo solo al comando bensì parte di una squadra.