Sport Ribera: Gli alunni della scuola media Navarro compongono l’inno per la partita Croazia -Inghilterra

1409

Si sono gemellati con la Croazia, hanno composto un inno per la partita Croazia-Inghilterra del 24 giugno prossimo, Valevole per il campionato di calcio Under 21, hanno vinto il concorso e assisteranno gratis alla gara nello stadio di San Marino. Protagonisti dell’evento sportivo sono ben 19 alunni della 1^ B dell’istituto comprensivo “Vincenzo Navarro”, diretta dalla preside Paola Triolo.
Si tratta di Amari Benedetto, Amato Silvia, Bellavia Thomas, Bordonaro Eduardo, Canzeri Leonardo, Castagna Federico, D’Anna Eduardo, Ferastraoaru Adelin, Golino Davide, Giummarra Giorgia, Lo Bello Chiara, Lo Iacono Ilaria, Mirabile Gabriele, Modica Paolo, Piraneo Giuseppe, Romano Pietro, Sciortino Emanuel, Triolo Giovanni, Zambuto Andrea i quali hanno lavorato al progetto didattico. I ragazzi che assisteranno alla partita, accompagnati dalla docente referente del progetto Lorena Calcara e dalla docente Angela Ombrello, saranno però undici in partenza lunedì mattina in aereo per Bologna e poi in pullman per raggiungere San Marino. La partita è in programma alle ore 21.
Gli alunni riberesi hanno partecipato al concorso “#TIFIAMOEUROPA”, promosso da FIGC in collaborazione con il MIUR e rivolto alle scuole medie inferiori, hanno creato un inno da stadio per sostenere la nazionale calcistica della Croazia e sono risultati primi nella classifica regionale relativa alle scuole secondarie di 1°grado della Sicilia. Assisteranno, partecipando come protagonisti del cerimoniale prepartita, all’incontro Croazia – Inghilterra del 24 giugno.
“E’ un significativo riconoscimento per l’attività didattica della nostra scuola – precisa la dirigente scolastica Paola Triolo – ma soprattutto è un giusto premio a tanti alunni che si sono impegnati, che vedono nello sport un veicolo educativo, e ai docenti che hanno coordinato e realizzato il progetto”.
Le finalità del percorso erano quelle di incoraggiare la conoscenza ed il confronto degli elementi principali della nostra cultura e dei paesi che la manifestazione ospita, approfondire i significati delle bandiere e degli inni per accogliere e accompagnare le squadre in una cornice di rispetto e di festa, promuovere la partecipazione di studenti che, uniti dalla passione per lo sport, diventino promotori verso gli adulti di valori positivi, quali il tifo corretto e l’inclusione, segnare una svolta nel modo di partecipare ad un evento sportivo, affermando il rispetto degli inni nazionali come principio irrinunciabile.
Per il progetto gli organizzatori avevano preventivato il contributo di 2000 euro per l’intera spedizione sportiva. Le famiglie degli alunni hanno integrato la somma di denaro per garantire viaggi e soggiorno dei ragazzi.