Ribera: Quando Seccagrande diventa una discarica pubblica

677

E’ incredibile ! Seccagrande e l’area davanti al monumento dei marinai della nave greca Angelica sono diventati per qualche riberese, forse per un solo cittadino certamente ineducato, una discarica pubblica. Da ieri circolano sul web alcune agghiaccianti fotografie che mostrano pezzi di vecchi mobili, persiane, finestre, porte, telai e perfino un gabinetto di ceramica appositamente abbandonati all’ingresso del lungomare Gagarin.
Davvero un bel biglietto di visita per la località balneare e turistica ! Basta un solo incosciente cittadino per rovinare il decoro della frazione estiva. Fa più rabbia perché l’area era stata ripulita dai servizi comunali con il taglio dell’erba e la pulizia generale.
Prendiamo alla lettera quello che scrive l’assessore comunale Maria Teresa Taglialavore e che condividiamo “Non amo scrivere molto su facebook, ma non ho potuto farne a meno…… non è un problema di amministrazione comunale o di sindaco o di servizio che non funziona…… ma solo ed esclusivamente un problema di educazione civica che purtroppo manca per alcuni riberesi !!!! Buona domenica”.


Le proteste per lo scempio ambientale su facebook diventano virali. C’è addirittura qualcuno che propone che basta un semplicissimo controllo della polizia municipale su quanti hanno ristrutturato totalmente casa e i cui lavori potrebbero essere ancora in corso. Bastava una semplice telefonata agli operatori dell’isola ecologica, che avrebbero prelevato il materiale davanti casa, per evitare una tale bruttura.
Aiutiamo Ribera a crescere.