Ribera: Via Canova, nuovi marciapiedi e decoro urbano

642

Il comune di Ribera, per migliorare la viabilità e per dare maggiore decoro alla città, ha in corso i lavori per rifare nella centrale e trafficata via Canova i marciapiedi, rovinati dalle radici degli alberi di falso pepe che negli anni scorsi sono stati abbattuti per necessità e per evitare ulteriori danni al sistema viario.

L’assessore ai Lavori Pubblici Nicola Inglese ha reso noto che, su provvedimento della giunta comunale, sta per essere ultimato il cantiere per il rifacimento della seconda parte dei marciapiedi della via Canova, a doppia corsia di circolazione. L’opera è stata realizzata con fondi del bilancio comunale.

Invece, la prima parte dell’arteria era stata interessata lo scorso autunno da un ”project financing” a scomputo degli oneri di urbanizzazione per un importo complessivo di 52 mila euro. Nella stessa strada era stata rifatta la rete elettrica i cui cavi, nel sottosuolo, erano stati tranciati dalle radici invasive degli alberi che avevano determinato per tanti mesi l’oscurità della pubblica via, con le lamentele dei residenti, e che minacciavano l’integrità delle reti idriche e fognanti.

I lavori di via Canova sono a buon punto e pare che l’impressa appaltatrice possa consegnare l’opera a fine mese. Il problema che l’amministrazione civica ora deve affrontare è quello della piantumazione di nuovi alberi o di una siepe sempreverde le cui radici non devono danneggiare ancora marciapiedi e strada. Delle piante piccole, a costo zero, ma bisognevoli di cura periodica per la crescita, possono essere fornite gratuitamente dall’azienda del demanio forestale di Agrigento che ha dei vivai a Ribera e nella località di Borgo Bonsignore.

Il decoro urbano dovrà continuare con il rifacimento di un’altra arteria importante qual è la via Imbornone, una delle strade più trafficate della città. Anche dai marciapiedi dovranno essere sradicate le grosse radici degli alberi abbattuti, così come è stato fatto in via Canova. Oggi i marciapiedi non sono percorribili dai pedoni perché molto pericolosi per il dissesto, come pure bisognevoli di un intervento urgente sono quelli del corso Regina Margherita, nell’area del mercato cittadino del giovedì.

Il tallone di Achille del decoro urbano in questi anni sono stati la precarietà dei marciapiedi (vedasi anche l’attuale via Circonvallazione) e soprattutto il selciato sconnesso e “ricco” di buche di tante arterie cittadine ormai da anni. Brutto biglietto di visita per la città.