Ribera: Studio antisismico per le scuole

342

E’ stato affidato ieri ad una ditta esterna uno studio che dovrà accertare lo stato antisismico delle scuole della cittadina. Un gruppo di tecnici per un periodo di due mesi dovrà controllare la staticità degli edifici scolastici per accertarne la sicurezza in caso di eventuali terremoti. Lo ha reso noto l’assessore comunale ai Lavori Pubblici Nicola Inglese che ha precisato che alla fine dell’anno scolastico in corso lo studio sarà consegnato all’amministrazione civica che ne prenderà atto per dare certezze sia agli alunni e alle loro famiglie che a tutti gli operatori coinvolti.
Si tratta di un progetto che vedrà impegnata la somma di 175.544,55 euro che viene erogata nelle casse comunali dal ministero dell’Istruzione e dell’Università con lo scopo di accertare la sicurezza dei plessi scolastici con calcoli ed accertamenti tecnici aggiornati alle nuove disposizioni ministeriali.
I tecnici incaricati dal comune a partire da subito daranno vita a dei controlli in tutte le scuole dell’obbligo di Ribera. Saranno interessati dagli accertamenti gli edifici degli istituti comprensivi statali come la “Navarro” di via Imbornone, la “Crispi” di piazza Giulio Cesare e la “Don Bosco” di via “Platania”, come pure le loro succursali di via Berlinguer, via Mosca, via Pier Delle Vigne e via Imbornone,
“Per ottenere il finanziamento – ci dice l’assessore Nicola Inglese – abbiamo partecipato, tra le poche scuole siciliane che ne hanno fatto richiesta, ad un bando del ministero che è andato a buon fine e ci ha permesso di potere ottenere un congruo finanziamento che stiamo rendendo operante subito in questo scrocio di anno scolastico. Lo studio tecnico avrà il vantaggio di poter certificare gli istituti riberesi che sono a norma antisismica e lo scopo di tranquillizzare tutte le famiglie che hanno i bambini a scuola. Gli accertamenti consentiranno all’amministrazione comunale di potere presentare allo Stato e alla Regione ulteriori richieste per ottenere altri finanziamenti finalizzati a ristrutturare, riqualificare e ampliare tutti quegli edifici e le scuole che ne hanno bisogno”,