Ribera: Giovane marocchino arrestato e ai domiciliari spacciatore di droga

756

Un marocchino è stato prima arrestato dai carabinieri e poi messo ai domiciliari perché alla fermata dell’autobus si è fatto trovare con una borsa termica piena di 615 grammi di droga. I carabinieri della tenenza di Ribera hanno arrestato per detenzione al fine di spaccio di droga Nabil Khribiche, di 31 anni, marocchino, trovato in possesso di hashish, divisi in 6 panetti.
La droga si trovava all’interno di una borsa termica che il giovane aveva con sé nel momento di scendere dal pullman in piazza Zamehoff. Il marocchino, che certamente tornava da Palermo dove sarà andato a rifornirsi, risiede da qualche tempo nel centro dove fa il bracciante agricolo, impegnato nella raccolta delle arance e nel tempo libero spacciatore di sostanze stupefacenti. Il giovane era stato associato alle carceri circondariali di Sciacca.
Nell’udienza di convalida, nel carcere della cittadina termale, la Procura della Repubblica ha chiesto la convalida anche la custodia in carcere, mentre i difensori, gli avvocati Giovanni Forte e Mirella Vento del Foro di Sciacca, avevano chiesto una misura meno afflittiva in considerazione che l’indagato era incensurato e per l’assenza di altri procedimenti pendenti a suo carico. Il giudice per le indagini preliminari ha convalidato l’arresto, disponendo, però, la remissione in libertà del trentunenne al quale è stato applicato l’obbligo di dimora a Ribera, presso la sua abitazione. Indagini sono ancora in corso dei carabinieri di Ribera perché la colonia nordafricana risulta attiva nello spaccio della droga.