Ribera: La necropoli dell’Anguilla verso la riapertura

981

La necropoli di contrada “Anguilla” si avvia ormai verso la riapertura. Ieri mattina un sopralluogo degli amministratori comunali riberesi e dei tecnici della Soprintendenza ai Beni Culturali ed Ambientali di Agrigento ha permesso di realizzare quanto aveva promesso il 4 ottobre scorso nella sala consiliare del comune il compianto assessore regionale Sebastiano Tusa, con un finanziamento finalizzato a dotare il sito archeologico dei servizi igienici per i visitatori.
Erano presenti per il comune di Ribera l’assessore Francesco Montalbano, l’ing. Gaspare Tortorici e per la Soprintendenza l’arch. Calogero Licata. E’ stata individuata, accanto alla sede del centro didattico, l’area sulla quale sarà posta la costruzione prefabbricata dei servizi. I tecnici in pochi giorni realizzeranno l’apposito progetto e la costruzione di una piattaforma in cemento da posizionare accanto al fabbricato rurale. Pare che una parte del finanziamento regionale, assegnato dal prof. Tusa nelle settimane scorse, sarà destinato al recupero di qualcuna del 45 tombe sicane, datate del XIII secolo a. C.
La necropoli era stata chiusa circa cinque anni fa per mancanza di gabinetti e il personale in servizio era stato trasferito in altri siti, come quello di Eraclea Minoa. Nel frattempo tanti visitatori e non pochi turisti avevano trovato la necropoli chiusa con l’ingresso bloccato da catene e lucchetti. Il nostro quotidiano, con diverse segnalazioni, ne aveva fatto una battaglia.