Ribera: La Cia chiede notizie sui decreti regionali per i danni dell’alluvione del 2016

254

Per i danni in agricoltura derivanti dall’alluvione del novembre 2016 Giovanni Caruana della Cia scrive una nota al sindaco, all’assessore all’Agricoltura, alla Condotta Agraria e all’Ispettorato Provinciale dell’Agricoltura.
Ecco il testo.

“ Dagli organi di stampa, dei giorni scorsi, abbiamo saputo che, dopo 2 anni, si sono sbloccati
I fondi per i danni causati dall’alluvione 2016, al patrimonio privato, ( edilizio e beni mobili ) per i
quali, gli interessati, possono presentare domanda di risarcimento.
Ci chiediamo se per quel che concerne i danni alle aziende agricole, le più colpite e danneggiate dall’alluvione,che hanno perso il prodotto, subito danni consistenti alle strutture aziendali, agli impianti d’irrigazione, che hanno subito l’estirpazione di piante, l’abbattimento di
frangiventi e la distruzione di stradelle poderali ed interpoderali, danni quantificati e documentati,
con appositi progetti, redatti da tecnici abilitati, pagati dai produttori con soldi propri; a seguito di declaratoria della Regione e dello Stato che hanno dichiarato lo stato di calamità; questa Amministrazione Comunale è intervenuta , nei confronti dell’Assessorato Regionale Agricoltura,
per sapere:
– se si hanno notizie di tempi di espletamento delle pratiche già istruite e pronte per la decretazione;
oppure se i produttori agricoli, così come sono abituati,oltre al danno dell’alluvione, dovranno subire la beffa di aver pagato, inutilmente il tecnico per la progettazione, senza ricevere alcun riscontro.
Preghiamo, pertanto, Codesta Spett.le Amministrazione e Codesto Spett.le Ispettorato di intervenire presso il Governo Regionale affinchè si diano le dovute risposte a chi ha avuto certificati, con visita preventiva dei tecnici dell’I.P.A.,danni reali ed aspetta, ormai da due anni i sacrosanti risarcimenti”.

Ribera 06/10/2018
P. L’Organizzazione
Giovanni Caruana