Ribera: Nelle scuole dell’obbligo mancano videosorveglianza e allarme

260

In tutte le scuole dell’obbligo mancano il servizio di videosorveglianza e di allarme. Le lezioni didattiche sono iniziate da qualche giorno in tutti gli istituti e si ripropone il problema della sicurezza dei locali e delle attrezzature tecniche e scientifiche, oggetto periodico dell’attenzione di ladri e vandali.
Dopo i furti dell’estate appena finita quando i ladri si sono introdotti nei tre istituti scolastici comprensivi di via Imbornone, di via Platania e di piazza Giulio Cesare, dove hanno rubato di tutto, dai computer alle lavagne luminose, dalle macchine fotografiche alle stampanti, oggi i dirigenti sono alle prese, bilanci finanziari permettendo, con la possibilità di potere comprare i sussidi didattici che vanno a corredo delle lezioni e delle attività in classe.
Rimane tuttavia il problema della sicurezza dei locali perché i ladri, introducendosi perfino dal tetto degli edifici, sono riusciti a scardinare i laboratori, chiusi con porte di sicurezza, e a portare via indisturbati di notte tanto materiale nell’ordine complessivo di una decina di migliaia di euro. E’ vero che le indagini capillari dei carabinieri della locale tenenza sono riusciti ad individuare i giovani ladri e a recuperare parte della refurtiva, ma è anche vero che oggi i locali scolastici non sono più sicuri e hanno bisogno di un buon sistema di allarme. Prima di spendere ancora soldi per l’acquisto di altro materiale, sarebbe opportuno che le scuole vengano dotate di impianti di videosorveglianza.