Ribera: Sindaco e prefetto a Palermo per sbrogliare la matassa delle case popolari

717

Per sbrogliare l’intrigata matassa dei 60 alloggi popolari di Ribera, corrono oggi a Palermo, negli uffici regionali dell’assessorato alle Infrastrutture e Mobilità, il prefetto di Agrigento Dario Caputo e il sindaco di Ribera, da tempo impegnati, su sollecitazione delle famiglie senza casa, a trovare una soluzione all’inizio dei lavori. L’incontro avrà inizio alle ore 15, alla presenza dell’assessore Marco Falcone e di alcuni dirigenti del dipartimento, per rimuovere gli ostacoli che bloccano la firma del contratto da parte dell’Iacp e del consorzio di imprese catenesi di Maletto che ha vinto la gara di appalto per un importo di 5 milioni e 706 mila euro.
Anche il prefetto di Agrigento vuole vederci chiaro su una vicenda che, soltanto per l’appalto dell’opera, si trascina da oltre due anni e da circa sei da quando le famiglie sono state sloggiate dalle dieci palazzine di Largo Martiri di via Fani e alloggiate in abitazioni prese in locazione di cui il Comune paga il canone di affitto.
Si ipotizza che le pastoie burocratiche possano fare riferimento ad un recente protocollo di intesa sottoscritto tra l’Iacp di Agrigento e quello di Palermo in base al quale le attività preliminari per la firma del contratto di appalto avrebbero dovuto essere svolte dall’istituto palermitano che avrebbe dovuto verificare i requisiti dell’impresa aggiudicataria con espressa clausola del nulla osta dell’informazione antimafia.