S. Stefano Quisquina: Arriva la videosorveglianza

309

Oggi la vita pubblica e sociale della cittadina dovrebbe essere più tranquilla perché sono arrivate e sono in corso di installazione le telecamere. È stato finalmente realizzato a Santo Stefano Quisquina un impianto di videosorveglianza che coprirà un’area relativamente ampia del centro storico del paese. Le videocamere coinvolgeranno il tessuto urbano di via Roma, di via Reina, di piazza Maddalena e di piazza Madrice.

La novità della realizzazione dell’opera è che i lavori, che stanno per essere ultimati nei prossimi giorni, sono stati finanziati grazie ad un contributo economico di un privato cittadino stefanese che ha voluto donare alla cittadina un servizio che dovrebbe scongiurare i vandalismi contro le opere pubbliche e le azioni malavitose. Si tratta di una iniziativa lodevole che potrebbe trovare proseliti in altri comuni della provincia.
La donazione da sola non bastava per l’intero impianto di videosorveglianza. Alla somma di denaro offerta dal benefattore si sono sommati sinergicamente altri fondi provenienti dal bilancio comunale. E l’opera si accinge a diventare una realtà, già in opera in diversi altri centri agrigentini dove gli atti malavitosi sono più frequenti. Naturalmente il benefattore ha voluto conservare l’anonimato, rifuggendo da ogni forma di pubblicità.
“È un importante segnale che si protende verso la sicurezza di tutti i cittadini – spiega il sindaco Francesco Cacciatore – l’impianto di videosorveglianza permetterà molteplici vantaggi, tra i quali l’indubbio effetto deterrente su eventuali ladri e vandali nonché il controllo, in maniera totale e diretta, senza intermediari, della situazione degli ambienti interessati”.
Per gli stefanesi si tratta di una novità assoluta che lascia sperare buoni risultati, anche se in genere la vita della comunità stefanese è stata in questi anni tranquilla.