Ribera: Pronto soccorso in difficoltà per mancanza di medici

1647

Il pronto soccorso, e più in generale l’ospedale di zona di Ribera, è in difficoltà per la mancanza di medici che oggi non sono in condizione di potere garantire l’assistenza agli utenti nelle 24 ore. Succede che il pronto soccorso ha in organico attualmente appena tre medici, insufficienti in H 24, per cui le turnazioni vengono assicurate con la presenza di altri medici “prelevati” dai reparti di medicina e di chirurgia.
La situazione diventa così insostenibile nei reparti per cui i tempi di intervento si dilatano eccessivamente tanto da far stancare i pazienti in attesa delle prestazioni sanitarie ed ospedaliere. Vi sono cittadini che si rivolgono ad altre strutture quando trovano posto e vi sono riberesi che iniziano il viaggio della speranza anche verso strutture sanitarie fuori dalla regione.
La precaria situazione è stata portata all’attenzione del direttore generale dell’ASP di Agrigento per individuare una soluzione soddisfacente sia per i malati che per i medici. E’ stata avanzata la proposta, dato che Ribera e Sciacca sono ospedali riuniti con la stessa direzione sanitaria e con la stessa utenza, di potere utilizzare dei medici dell’ospedale “Giovanni Paolo II” per il pronto soccorso di Ribera. I professionisti potrebbero ottenere delle prestazioni economiche aggiuntive per la trasferta riberese dove potrebbero ricoprire i vuoti di organico del personale medico, oggi costretto a turni stressanti, non più sostenibili.
L’ospedale di Ribera, che si occupa della popolazione del distretto sanitario di ben sette comuni, è stato e lo è tuttora il nosocomio a cui si rivolgono anche gli utenti che provengono dagli altri paesi del comprensorio montano, soprattutto per le emergenze.