Montallegro: L’opposizione chiede le dimissioni del sindaco Scalia

404

L’opposizione consiliare, guidata dal capogruppo Giovanni Cirillo ha chiesto ufficialmente e pubblicamente le dimissioni del sindaco Caterina Scalia.
Tutto è nato a seguito del consiglio comunale aperto, richiesto dai consiglieri di minoranza, i quali avevano individuato una lettera inviata all’ente locale dal Dipartimento delle Acque e dei Rifiuti, della quale solo in pochi erano a conoscenza.
La lettera riguardava una conferenza dei servizi che si doveva tenere per discutere della realizzazione di un nuovo impianto per il trattamento dei rifiuti solidi e urbani, in contrada “Rocca di Gallo”.
Durante la seduta aperta del civico consesso l’intero consiglio comunale, i montallegresi e il primo cittadino Scalia avevano espresso parere negativo al progetto della discarica. Inoltre, era stato votato all’unanimità un documento dettagliato che elencava gli aspetti negativi del progetto in merito al rischio ambientale, in caso di costruzione dell’impianto.
“E’ inspiegabile il comportamento del sindaco – afferma Giovanni Cirillo – che, non solo ha cambiato idea in merito a quanto detto nell’adunanza pubblica, non facendo verbalizzare il suo parere negativo, ma la cosa ancor più grave è l’aver omesso il mandato dell’intero consiglio comunale. Pertanto abbiamo chiesto le dimissioni del sindaco, per non aver rispettato e aver, invece, tradito la volontà di tutto il popolo di Montallegro. Se trascorsi alcuni giorni, non verranno depositate le dimissioni, presenteremo una mozione di sfiducia”.
Anche il consigliere comunale Rosa Iatì ha preso le distanze dal comportamento del sindaco, ribadendo il proprio no all’ampliamento dell’impianto dei rifiuti in contrada “Matarana”, perché potrebbe compromettere lo sviluppo turistico del paese e la salute dei cittadini.