Ribera: Il Comune assegna il servizio per i bambini diversamente abili e ai servizi sociosanitari per infanzia e terza età

956

L’amministrazione comunale sta massicciamente intervenendo per combattere la disabilità sia dei bambini a scuola che degli anziani nelle rispettive abitazioni. Si tratta di una serie di servizi che, alcuni già in corso d’opera ed altri pronti a decollare nei prossimi giorni, sono stati finanziati in parte con somme del bilancio comunale e in parte con somme erogate dalla Regione Siciliana.
È stato assegnato il servizio di assistenza igienico-fisica per i bambini diversamente abili delle scuole dell’obbligo della città con un progetto di circa 15 mila euro. Lo ha reso noto l’assessore Francesco Montalbano. L’assistenza è prevista fino alle festività natalizie, oltre la chiusura dell’anno scolastico, per evitare i ritardi che solitamente si registrano nell’attivazione alla ripresa scolastica di settembre. “L’amministrazione è al lavoro – afferma l’assessore Montalbano – per garantire ai minori diversamente abili sin dal primo giorno di scuola anche il servizio di assistenza all’autonomia e alla comunicazione”.
E’ stato sottoscritto l’accordo di programma del distretto socio-sanitario D 6 (Ribera, Calamonaci, Lucca Sicula, Villafranca Sicula, Burgio, Cattolica Eraclea e Mointallegro) per l’integrazione economica del piano di zona 2013-2015. Il finanziamento ottenuto dall’amministrazione comunale di Ribera, comune capofila del distretto D6, è di 400 mila euro. “La somma – dichiara l’assessore Montalbano – è destinata a servizi sociosanitari, in particolare verrà utilizzata per attività rivolte ai diversamente abili e per le famiglie economicamente più disagiate”.
Inoltre, è stato approvato il Pac per l’infanzia che, con circa 300 mila euro, prevede un servizio integrativo per bambini (3-5 anni) da svolgere nelle ore pomeridiane e il sabato mattina per una trentina di alunni. Partirà entro il mese di marzo. Il Pac per gli anziani, altri 500 mila euro, permetterà il recupero della disabilità della terza età, anche con l’assistenza domiciliare, e avrà una valenza temporale di 18 mesi.
Infine, è in cantiere e a giorni sarà pubblicato il relativo bando, il progetto intitolato “Dopo di noi” (70 mila euro) e destinato ai disabili in genere all’interno di famiglie economicamente bisognose.