Sport Cianciana: La scuderia Ferrari di Ribera da Anthony Hamilton il padre del campione del mondo di Formula 1

1567

Giornate all’insegna dello sport e dell’automobilismo nel centro montano per la presenza, con una delegazione turistica inglese, di Anthony Hamilton, il padre di Lewis, il campione mondiale di Formula 1. Non appena la notizia si è diffusa in paese, sono arrivati diversi appassionati di automobilismo e tra questi il giovane pilota ciancianese di kart Matteo Frenna, campione regionale della categoria kz 2.
Anthony Hamilton è componente di un gruppo inglese che è arrivato a Cianciana per visitare la città e per individuare eventuali abitazioni da utilizzare per le vacanze estive. Nella sala del sindaco Santino Alfano, che ha ricevuto ufficialmente la delegazione, assieme all’assessore comunale allo sport Silvana Bartolomeo, sono stati in tanti, quasi a gara, a farsi fotografare mentre stringono la mano al papà del campione del mondo. Un aspetto ha incuriosito tutti: l’estrema somiglianza fisica, il colore della pelle, l’altezza e i gesti del figlio pilota. Uno a fianco dell’altro sembrerebbero due fratelli.
Alla notizia della presenza di Hamilton senior si sono messe in moto le scuderie e le associazioni motoristiche. Al palazzo comunale ad incontrare Hamilton saranno la scuderia automobilistica di Agrigento “Project Team” di Luigi Bruccoleri con il suo patron e la “Scuderia Ferrari Club Ribera” del presidente Michele Sarullo, con i collaboratori Nino Pipia, Nino Liotta e Mimmo Tornambè. Gli consegneranno gadget e gagliardetti delle rispettive associazioni sportive.
Ad uno sportivo che gli chiedeva se si possa ipotizzare la presenza di Lewis su una Rossa di Maranello, Hamilton ha risposto telegraficamente: “Qualsiasi padre sogna sempre un figlio pilota in Ferrari. Mai dire mai”. Ha avuto parole di ammirazione per la Ferrari e per lunga storia di successi della scuderia italiana. E’ stato molto cordiale con tutti, ma di poche parole, forse per un problema di lingua, nonostante gli interpreti del gruppo, Mauro Buraglio e Felice Gibilaro, che vivono in Inghilterra.
Ieri mattina, i ciancianesi lo hanno ammirato fare footing, con gli amici inglesi, in tuta e cappellino nero, tinto di giallo, per le arterie della cittadina.