Ribera: Le acque piovane su Bocca Vallone danneggiano gli agrumeti

958

Le acque piovane, che defluiscono a sud dell’abitato riberese, nei pressi della strada statale 386, tutte convogliate a Bocca Vallone, danneggiano gli agrumeti situati in contrada “Torre” e “Galizia”. A sostenerlo sono diversi agricoltori che lamentano, in presenza di piogge copiose, come il “Vanellaro Bocca Vallone” non sia in condizione di ricevere tutta l’acqua piovana di mezza città.
Succede, infatti, che l’acqua sia della parte bassa della cittadina che quella della SS 386 va a confluire in un piccolo fiume che, diretto a valle verso il Verdura, spesso esce fuori dagli argini in terra e allaga centinaia di ettari di agrumeto e frutteto con danni sia alla produzione agrumaria che alle stesse piante che rimangono sott’acqua anche per settimane.
Per fortuna, il fenomeno non è accaduto quest’anno perché le precipitazioni atmosferiche sono state davvero modeste e l’acqua è defluita lentamente. Il rischio – sostengono gli agricoltori – sarà quando le piogge saranno notevolmente abbondanti e un mare d’acqua si riverserà sul “Vanellaro Bocca di Vallone”. Il volume d’acqua potrebbe sradicare anche le piante di aranceto sulle quali i coltivatori hanno fatto degli onerosi investimenti aziendali.
Già negli anni passati il vallone è straripato, ha causato danni ingenti alle aziende agricole e ha costretto i proprietari a fare costose riparazioni. Per prevenire ulteriori alluvioni, gli agricoltori chiedono al Comune, al Genio Civile e alla stessa Anas di adoperarsi per far defluire l’acqua in un unico collettore, da realizzare possibilmente in cemento armato, per proteggere i giardini.