Ribera: Alternanza scuola – lavoro degli studenti del liceo scientifico e dell’istituto tecnico con il personale del Corpo Forestale

1127

Ha riscosso particolare interesse l’incontro tra le classi III A, III C , III G del Liceo Scientifico, Scienze Applicate e le classi III A AFM, III B SIA, III C AT del Tecnico ad indirizzo turismo ed il personale del Corpo Forestale della Regione Sicilia.
Tenutosi nei giorni 30 e 31 gennaio, presso la sala convegni dell’Istituto di Istruzione Sec. Sup. “Francesco Crispi” di Ribera, alla presenza di un totale di 172 studenti, accompagnati dai docenti: Di Carlo G. Riggi M.T. e Sortino. F.
L’iniziativa è stata sostenuta e gestita dall’Ispettorato delle Foreste di Agrigento dal capo ingegnere Calogero Crapanzano, dalla dott. Mariaconcetta Russotto, con la gentile collaborazione della Vicepreside Antonella Arcuri.
In queste due giornate, durante le ore di alternanza lavoro, l’Ispettore Superiore Francesco Messana collaborato dall’isp. Sup. Filippo Colletti, hanno tenuto un corso di formazione e/o informazione sull’educazione ambientale, tramite slide e filmati.
Nel tempo trascorso, i ragazzi hanno appreso i “compiti istituzionali” del Corpo Forestale e il motivo per il quale vengono svolti.


Il loro compito principale consiste nella difesa del patrimonio agroforestale, tutela dell’ambiente, del paesaggio e dell’ecosistema:

• Controllo del vincolo idrogeologico;
• controllo sulla pesca nelle acque interne e sull’esercizio venatorio;
• controllo spostamento, vaccinazione e benessere degli animali, è molto importante infatti, che gli animali si trovino in siti igienicamente idonei ad ospitarli;
• Controllo discariche abusive e abbandono di rifiuti;
• Servizio C.I.T.E.S: grazie a cui nel 1973 circa 120 paesi aderirono, firmando la“Convenzione di Washington”, dal quale, anche l’Italia nel 1975, entrò a far parte. Tutti i paesi che hanno aderito, hanno presentato gli elenchi delle speci di flora e fauna protetti, per impedirne il commercio.
• Attività antincendio;

I boschi sono patrimonio dell’intera collettività è nostro diritto e dovere tutelare e preservare. Spesso per gli incendi boschivi, di vaste proporzioni, non è sufficiente la manodopera degli operatori antincendio ed è allora che la Guardia Forestale ricorre ai veivoli, elicotteri o mezzi aerei specifici, quali Canadair ed Erikson in grado di trasportare ingenti quantità d’acqua, che agiscono tempestivamente allo spegnimento, che altrimenti costituirebbero una rovinosa piaga per l’ambiente e talvolta mettendo a rischio la vita sia dei piloti e del personale a terra.

Il mancato rispetto della natura comporta, non soltanto un danno all’ecosistema,
ma anche dei costi per la collettività, piuttosto onerosi, basti pensare che un’ora di
volo di un aereo Canadair ha un costo variabile intorno a Euro 8.000,00.
Per merito dell’accurato lavoro di sensibilizzazione attuato dall’istituzione forestale i
ragazzi hanno appreso che è bene trattare la natura come essa merita, dal momento
che l’uomo vive in un complesso dove la popolazione e tutte le sue esigenze sono
legate all’ambiente e da esso dipendono.

È stato fissato un nuovo incontro allo scopo di conoscere direttamente
caratteristiche botaniche di alcune specie autoctone nel nostro territorio.

Chiara Marabella IIIA
Liceo Scientifico Francesco Crispi, Ribera