Cianciana: L’associazione “Settimana Santa” firmerà a Roma un protocollo d’intesa per la candidatura al “Patrimonio Immateriale dell’Umanità dell’Unesco”

868

Oggi, presso l’“Istituto Centrale per la Demoetnoantropologia” di Roma, la cittadina di Cianciana stilerà un protocollo d’Intesa con altre 27 città italiane, distribuite in quasi tutte le regioni d’Italia, e con l’associazione “Europassione per l’Italia”, per completare il dossier della proposta di candidatura al riconoscimento del “Patrimonio Immateriale dell’Umanità dell’Unesco” delle manifestazioni religiose e in particolare per Cianciana dei sacri riti della “Settimana Santa”. A sottoscrivere nella capitale la richiesta saranno il presidente dell’associazione “Settimana Santa” Gerlando D’Angelo e Francesco Martorana che rappresenterà il comune con delega del sindaco a firma congiunta.
La pratica per ottenere il riconoscimento ha preso l’avvio nel 2016 con un percorso burocratico inteso ad ottenere il prestigioso riconoscimento Unesco. Cianciana, assieme ad altre due associazioni di Caltanissetta e di Trabia, rappresenterà a livello nazionale la Sicilia. L’associazione, che è nata nel 1994, conta decine e decine di rappresentazioni in provincia e all’estero, con circa 150 personaggi, viventi e in costume d’epoca, che hanno fatto rivivere la Passione di Cristo a Cianciana, Agrigento, Lampedusa, Gela, Caltabellotta e, in Francia, a Rive de Gier, nella Loire dove c’è una colonia di emigrati ciancianesi. Attori, comparse e tecnici sono già al lavoro per la prossima Pasqua. Sono in programma altre rappresentazioni sacre in alcune cittadine isolane.
“Il protocollo d’intesa – afferma Gerlando D’Angelo – darà origine ad un accordo di valorizzazione e alla “Rete dei Sindaci delle Passioni di Cristo” che ha l’obiettivo di sostenere le azioni di tutela e di salvaguardia in favore del peculiare elemento identitario della cultura della tradizione italiana ed europea trasmessa per secoli dalle comunità locali nelle forme di teatro e dei riti legati alla Settimana Santa”.