Ribera: Ospedale, ancora senza ausiliari, nonostante gli annunci

197

L’Asp aveva promesso che avrebbe mandato nel giorno di qualche giorno del personale ausiliario presso l’ospedale di Ribera, ma a distanza di settimane la struttura sanitaria della circonvallazione ne è ancora prova e alcuni reparti languono, sono in difficoltà, con il possibile rischio di chiudere i battenti. Pare che ad Agrigento l’azienda sanitaria provinciale, ad oggi, non abbia ancora fatto la necessaria delibera per assumere alcune unità di personale ausiliario che di norma vengono prelevate dalla graduatoria provinciale.
All’ospedale di Sciacca nei giorni scorsi ne hanno mandato una dozzina, al nosocomio riberese invece avevano promesso due operatori per le emergenze nei reparti che maggiormente ne hanno bisogno. Si incontrano difficoltà perfino a fare pulizia in corsia e si corre il rischio di chiudere porte e servizi. L’organico prevede la presenza di 16 lavoratori, oggi ve sono in servizio appena 7. Gli utenti e gli operatori erano stati “accontentati” prima con le promesse e poi con gli annunci, ma la situazione è rimasta tale a quale, con disagi, disservizi e lamentele.
Non parliamo del personale medico. I consiglieri comunali Davide Caico e Maria Angileri hanno denunciato che i pochi medici in servizio sono stati trasferiti all’ospedale di Sciacca. Sono già andati via un cardiologo e un chirurgo e vi è l’assenza di un medico del pronto soccorso che si trova a fare servizio a Sciacca, lasciando scoperti i posti in organico. In chirurgia oggi i medici sono a stento tre unità, mentre in medicina dei due cardiologi previsti in pianta organica, uno è stato trasferito all’ospedale saccense.