Cattolica Eraclea: i 100 anni di nonno Nicolò

449

Non era mai accaduto a Cattolica Eraclea che un centenario, in ottima forma fisica e mentale, andasse, a braccetto a piedi per le vie cittadine con la moglie, prima in chiesa e poi nella sala consiliare. Così è stato ieri mattina quando Nicolò Di Capo, 100 anni, è uscito da casa, accompagnato dalla moglie Giuseppina di 95 anni, dai parenti, dal sindaco Santo Borsellino e dalla banda musicale diretta dal maestro Maurizio Mongiovì, e quando è entrato nella chiesa del Rosario dove, per l’anniversario dei 100 anni, don Nino Giarraputo ha concelebrato la messa, con padre Antonio Gulisano.
Festa grande e popolare per il nonnino che, alla fine della celebrazione religiosa, è stato festeggiato dalla figlia Caterina, con il marito, arrivata per l’occasione da Toronto, dagli amministratori comunali cattolicesi che gli hanno consegnato nella sala consiliare di via Collegio targa e pergamena dell’atto di nascita, da nipoti, parenti e vicini di casa. Torta, fiori, dolci per tutti. Nicolò Di Capo, che con la consorte ha già festeggiato i 66 anni di matrimonio, ha soltanto la figlia Caterina in Canada (il figlio Filippo è morto a 43 anni), e ha pure 4 nipoti e 7 pronipoti. Il nonnino, che è sempre allegro e stimato dai cattolicesi, ha un’ottima memoria, ricorda episodi della seconda guerra mondiale a cui ha partecipato e intervistato ha detto che ama la buona cucina e stare in mezzo ai suoi compaesani. Esce spesso e va alla posta a prendere la pensione. E’ stato emigrato per circa 40 anni in Corsica. E’ tornato a Cattolica tre anni fa.