Ribera: A rischio la frazione di Borgo Bonsignore per frana e dissesto nella riserva naturale

1930

La strada panoramica che costeggia il litorale di Borgo Bonsignore e il viottolo di accesso al mare si trovano oggi in una situazione di dissesto geologico che richiede un intervento urgente di alcune autorità istituzionali, dall’ente locale sino alla Protezione Civile Regionale. A denunciare il pericolo della frana, che continua inesorabilmente la sua corsa verso il sottostante bosco del demanio forestale e quindi, a distanza, verso la spiaggia, sono stati ultimamente alcuni proprietari di abitazioni e di terreni situati sulla strada panoramica che da Borgo Bonsignore viaggia verso la spiaggia di Pietre Cadute.
Con delle lettere-denuncia, inviate al sindaco e all’ingegnere capo del Comune di Ribera, ai dirigenti del Genio Civile e della Protezione Civile di Agrigento, al direttore dell’Azienda Forestale Demaniale di Agrigento e al responsabile della Protezione Civile Regionale di Palermo, viene denunciata la situazione di grave pericolo di dissesto geologico e di frana, proprio alle spalle della fascia boschiva, e viene richiesto un sopralluogo tecnico al fine di evitare che il fenomeno si aggravi sempre di più.


C’è oggi il cedimento del viottolo in terra battuta che consente ai visitatori e ai proprietari delle abitazioni estive di recarsi al mare e la frana di terreno del costone direttamente tra gli alberi della pineta che è la continuazione della riserva naturale della foce del fiume Platani. Viene richiesta una conferenza di servizi per valutare i danni e capire quali siano le autorità istituzionali che, a vario titolo, devono intervenire a Borgo Bonsignore.
Pare che il fenomeno non sia una frana dell’ultima ora, ma lo smottamento va avanti ormai da una decina d’anni, con un certo aggravamento idrogeologico dell’area a causa delle forti piogge alluvionali degli ultimi due anni. Viene segnalata l’urgenza, prima che il dissesto diventi irreversibile e si trasformi in una calamità naturale che danneggerebbe terreni, abitazioni, turismo ed economia.