Ribera: L’adduttore fognario di Seccagrande ha bisogno di riparazioni

588

L’adduttore fognario di Seccagrande, la località balneare riberese, ha bisogno di riparazioni e anche di una manutenzione straordinaria di buona parte della conduttura. L’ennesima rottura della tubazione, che corre lungo il litorale riberese, a ridosso della spiaggia, verificatasi nei giorni, ha riproposto il problema della sicurezza dell’adduttore che quando va in tilt e rischia di inquinare non solo il mare, ma anche il tessuto viario della borgata lungo il tragitto urbano.
“Già in passato – ci dice il sindaco di Ribera Carmelo Pace – abbiano attenzionato il problema e abbiamo segnalato le difficoltà soprattutto estive della rete fognaria e l’eventuale rischio igienico-sanitario che la popolazione estiva potrebbe correre se lo sversamento dei liquami dovesse avvenire sulla strada o nei pressi della spiaggia. A Girgenti Acque, che gestisce il servizio, abbiamo chiesto in passato una manutenzione straordinaria della rete fognante esterna e ci è stato detto che bisognerebbe rifare ex novo tutta la conduttura dalla vasca di pompaggio sito al “Corvo” sino all’impianto di depurazione di contrada “Torre”. Si tratterà certo di un’opera costosa che richiede un corposo finanziamento”.
La rottura della tubazione si verifica quasi sempre d’estate, quando la località turistica conta anche 10 mila abitanti e quando il pompaggio e l’adduttore cominciano a fare le bizze. Già in passato la conduttura si è rotta un paio di volte sul lungomare Colombo, rischiando d’inquinare anche il mare. Ultimamente, da quando la gestione è passata a Girgenti Acque, gli interventi tempestivi, con uomini e mezzi della società, hanno limitato i danni all’ambiente. Tutt’oggi alcuni tratti dell’adduttore fognario sul territorio è scoperto perché le piogge torrenziali ed alluvionali dell’inverno scorso hanno trascinato via il terreno.