Riduzione al minimo delle indennità per gli amministratori comunali di Cattolica Eraclea, Montallegro, Villafranca Sicula e Bivona

1885

Archiviate le elezioni amministrative che hanno portato al rinnovo dei sindaci e dei consigli comunali, ecco che oggi gli amministratori municipali, vecchi e nuovi, sono alle prese con l’organizzazione delle prime riunioni dei civici consessi, con i bilanci di previsione del 2017 ancora da approvare e con le indennità di carica che devono percepire.
Parliamo delle attività e dei provvedimenti in programma a Cattolica Eraclea, a Montallegro, a Villafranca Sicula e a Bivona dove sindaci e giunte sono già all’opera. A Cattolica Eraclea il neo sindaco Santo Borsellino, nell’annunciare la prosecuzione dell’attività della passata legislatura nella quale ricopriva la carica di vicesindaco, ha reso noto che l‘indennità della giunta municipale sarà ridotta del 40 per cento. “Abbiamo lasciato inalterati gli importi già percepiti – afferma il neo primo cittadino Borsellino – perché manterremo ancora quel capitolo di bilancio, rimpinguato con le indennità, per realizzare opere pubbliche ed assicurare servizi, come i banchi e le sedie fornite alla scuola materna per il 2016”.


Stesso discorso in linea di massima per gli amministratori comunali di Montallegro dove il nuovo sindaco Caterina Scalia e la nuova giunta comunale ha mantenuto le cifre percepite in passato dal sindaco Pietro Baglio e dai suoi assessori. “Si tratta di somme di denaro irrisorie – precisa Scalia – quasi ridotte ai minimi termini che serviranno appena per le pubbliche relazioni collegate alle attività istituzionali”.
Dove nulla ancora è stato deciso è a Bivona dove il neo sindaco Milko Cinà e la sua giunta, appena nominata e tutta nuova, non ha ancora affrontato il problema delle indennità. Lo farà tra breve nel corso della prossima riunione del civico consesso.
Infine, a Villafranca Sicula, dove il primo cittadino rieletto è Mimmo Balsamo, pare che non saranno apportate modifiche agli importi delle indennità economiche di sindaco e giunta. “Nel passata sindacatura – dice Balsamo – le somme erano già al minimo storico. Le riconfermiamo”.