Cattolica Eraclea: Inaugurato il presidio ambientale-didattico e turistico di Marevivo

496

E’ stato inaugurato ieri mattina sul litorale agrigentino, sulla spiaggia a cavallo tra Bovo Marina di Montallegro ed Eraclea Minoa di Cattolica Eraclea, il centro ambientale-didattico e turistico dell’associazione “Marevivo” che ha rinnovato totalmente i locali della sezione, una struttura prefabbricata in legno, con la presenza di un piccolo museo. A rendere omaggio al presidio, già presente da anni sul territorio, l’assessore regionale all’Agricoltura Antonello Cracolici, i nuovi sindaci di Cattolica Eraclea e di Montallegro, Santino Borsellino e Rina Scalia, il vicesindaco di Siculiana Enzo Zambito.
A fare gli onori di casa i responsabili regionali di Marevivo Fabio Galluzzo e Mariella Gattuso che hanno intrattenuto sulla nuova veranda gli ospiti il comandante della capitaneria di Porto Empedocle Filippo Maria Parisi e diversi dirigenti e funzionari di enti regionali e di associazioni come Gal Sicani, Gac di Sciacca, Arpa di Palermo e di Agrigento e Istituto Zooprofilattico “Mirri” della Regione Siciliana, tanti ambientalisti, volontari, amministratori comunali, professionisti.
E’ stato fatto il punto sul ruolo che recita “Marevivo” sul litorale agrigentino, i progetti e i programmi dell’associazione, le prossime attività estive che vedranno coinvolti gli educatori con attività ambientali, giochi, escursioni, visite da svolgere con il coinvolgimento di visitatori, turisti, alunni e bambini. “Marevivo” – è stato detto – rappresenterà il baluardo a difesa dell’ambiente, offrendo ai visitatori conoscenza ed informazione e chiedendo rispetto sostenibile per la natura, con la collaborazione delle civiche amministrazioni. L’associazione sarà sfruttare al meglio i finanziamenti europei di cui la Regione Siciliana si appresta a pubblicare i bandi.
Il 3 luglio partirà il concorso “Marine Litter Art” che vedrà 25 artisti impegnati per una settimana nella realizzazione d’opere create utilizzando i rifiuti spiaggiati e rivalutando i numerosi ceppi del bosco incendiato l’estate scorsa.