Sport Ribera: Oggi e domani al Palatornambè la Coppa Italia di scherma

720

Lo sport più medagliato d’Italia approda per la prima volta a Ribera. Da oggi e fino a domani il PalaTornambè ospiterà la fase regionale della Coppa Italia 2017 di scherma, valevole come fase di qualificazione ai campionati italiani Assoluti che si svolgeranno poi il prossimo maggio a Caorle. Ribera ospita per la prima volta un evento di scherma, uno degli appuntamenti regionali più importanti di una disciplina che in Sicilia vanta una buona tradizione e tanti atleti di livello nazionale. Si salirà in pedana in tutte e tre le specialità, sciabola, spada e fioretto, sia maschile che femminile. Gli iscritti sono 162 divisi nelle tre specialità: oggi a partire dalle ore 10 le gare di spada femminile. A seguire la sciabola maschile e femminile. Domani sarà la volta della spada maschile con inizio alle ore 9.00 e delle due prove di fioretto, quella femminile con inizio alle ore 10.00 e quella maschile dalle ore 13.00. Il meglio della scherma sarà quindi in provincia di Agrigento per tentare la qualificazione alla gara in cui poi ci saranno i campioni nazionali, compresi gli atleti della Nazionale azzurra. Nella sciabola una corposa rappresentanza agrigentina grazie alla società Discobolo di Sciacca, oggi nella veste di organizzatore della manifestazione voluta dalla Federazione Italiana Scherma. L’evento sportivo è patrocinato dal Comune di Ribera, sensibile nel mettere a disposizione l’impianto. “Ringrazio il sindaco Carmelo Pace e l’assessore allo sport Cristina Cortese – dice Pippo Simone Vullo, del sodalizio saccense – la loro disponibilità per certi aspetti è stata veramente disarmante. E ringrazio il comitato regionale della Federazione Italiana Scherma, che a Ribera sarà presente al gran completo, per aver affidato alla nostra società sportiva l’organizzazione di un evento così prestigioso. Oggi lo sport sta dando un impulso importante anche al turismo e ci aiuta a fare conoscere il territorio anche dove non c’è tradizione schermistica”.
Giuseppe Recca