Ribera: Gli alunni della “Crispi” nella giornata della memoria ricordano Calogero Sparacino

800

Alunni e docenti dell’istituto comprensivo “Crispi” ricordano, con una serie di manifestazioni, nella Giornata della Memoria i deportati e le vittime dei campi di concentramento nazisti, tra cui il riberese Calogero Sparacino tornato vivo dal lager di Nordhausen. Film, proiezioni, convegni e mostre hanno animato una tre giorni di studio e riflessioni varie che hanno coinvolto anche le famiglie. Si è trattato di un progetto didattico che ha visto nella prima giornata la proiezione per i ragazzi di scuola elementare e media, al teatro Lupo, del film “Il viaggio di Fanny”, la storia di una ragazzina di origini ebree che viaggia durante la guerra tra i boschi della Francia per trovare salvezza in Svizzera.

Sparacino Caterina
Un’altra giornata è stata occupata da un convegno tenuto a scuola dalla dirigente scolastica Maria Angela Croce che ha parlato del suo viaggio in Polonia e ha mostrato le foto scattate nel campo di concentramento di Auschwitz. Poi i ragazzi delle terze classi, con il coinvolgimento delle famiglie a scuola, hanno presentato il lavoro didattico realizzato sugli eventi della seconda guerra mondiale.

alunni 2
Ieri mattina, nel plesso di via Mosca, per tutte le classi seconde, si è parlato del deportato Calogero Sparacino che a scuola è stato presentato dalla nipote Caterina che ha mostrato diversi cimeli del nonno, dalle divise di internato, ai diari e al libro “Diario di prigionia” che racconta la storia dell’anziano, deceduto nel 2006, ad 86 anni, dopo aver realizzato nella sua abitazione un plastico del lager di Dora Mittelbau, dove è rimasto rinchiuso per quasi due anni.. E’ stato proiettato il reportage giornalistico su Calogero Sparacino realizzato per Tele Radio Sciacca 13 anni fa da Sino Mazza.

alunni