Ribera: Non si possono contare i danni del nubifragio perché gli agrumeti sono invasi dall’acqua

2868

Ad oggi sul territorio di Ribera, dove passano i due fiumi che sono straripati a causa del nubifragio di domenica scorsa, non si possono fare dei sopralluoghi e non si possono contare i danni perché buona parte degli agrumeti, con le arance da raccogliere, sono ancora invasi dall’acqua e dal fango trasporti dalla furia fluviale. Sul fiume Platani e sul fiume Verdura, in prossimità degli argini, lungo il medio corso, a nord e a sud dei ponti sulla strada statale 115, né gli agricoltori e nemmeno i rappresentanti delle organizzazioni professionali agricole sono riusciti ad entrare nelle aziende in quanto le strade di accesso sono coperte di fango e gli aranceti giacciono sotto una coltre d’acqua ancora molto alta che tarda a defluire.

Listener (6)
Molti agricoltori erano fortemente impegnati nel pieno della campagna agrumaria per la raccolta e la commercializzazione delle arance. I lavori hanno subìto una battuta di arresto non solo per la pioggia, arrivata tra sabato e domenica scorsa, ma anche perché oggi le arance rimangono appese agli alberi, con il blocco di raccolta e commercializzazione verso i mercati del Nord Italia. In tanti non hanno potuto nemmeno quantificare i danni al territorio, viabilità, aziende e agrumeti, perché non facilmente raggiungibili.
Per fortuna da 48 ore non vi sono state più precipitazioni atmosferiche, la temperatura ha fatto registrare un buon rialzo e la neve è scomparsa sui Monti Sicani. Il mondo agricolo spera in un veloce defluire dell’acqua dagli agrumeti e in una diminuzione della portata dei fiumi che era stata alimentata dalla pioggia battente e continua, dal rinvigorimento delle sorgenti e in parte anche dallo svuotamento, previsto da regolamenti e protocollo dell’Enel, della traversa di Gammauta di Palazzo Adriano. L’ente nazionale per l’energia farà sapere oggi quanta acqua ha versato nel fiume Sosio –Verdura per evitare la tracimazione dell’invaso utilizzato per produrre energia elettrica.
Al danno degli agricoltori, si aggiungono i disagi della popolazione in quanto la società Girgenti Acque, che cura il servizio di distribuzione dell’acqua potabile, ha bloccato l’erogazione dell’acquedotto del Rifesi per i comuni di Ribera e di Calamonaci in quanto l’acqua era sporca e torbida con presenza di sabbia.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here