Ribera: Il consigliere Vassallo invita i sindaci agrigentini a chiedere la sospensione del distacco fognario degli utenti morosi

3210

Invita i sindaci della provincia di Agrigento a chiedere a Girgenti Acque la sospensione del provvedimento di distacco della rete fognaria degli utenti morosi del canone idrico e lancia un pressante appello ai primi di cittadini di Agrigento, Licata, Sciacca, Santa Elisabetta e Villafranca Sicula, facenti parte del consiglio direttivo dell’Ati e al presidente Lotà, sindaco di Menfi, ad “esercitare un ruolo più fermo e incisivo rispetto a quanto fatto in passato dall’Ato idrico”.
A rivolgersi agli amministratori pubblici della provincia è il consigliere comunale di Ribera Benedetto Vassallo che ha iniziato una campagna di sensibilizzazione per venire incontro agli utenti morosi, che non sono in condizione di pagare, per accertate cause economiche, e di subire l’eventuale taglio del servizio della rete fognante.
“Voglio ricordare – scrive nella nota ai sindaci il consigliere Vassallo – la grandissima opportunità che possono rappresentare il nuovo regolamento e la nuova carta dei servizi che normeranno in futuro il servizio idrico nella nostra provincia.  In pochi forse sanno che tali documenti sono attualmente in fase di discussione. E’ assolutamente indispensabile che vengano inserite e sancite in modo inequivocabile e perentorio alcune tutele per i cittadini più deboli, quali ad esempio il minimo vitale garantito di acqua a ciascun utente, il divieto di distacco dalla rete fognaria, la mitigazione dei costi del servizio per le prime case”.
Vassallo ricorda la sentenza del Tar di Palermo Sicilia che il 20 dicembre scorso ha rigettato il ricorso di Girgenti Acque avverso il provvedimento del sindaco del Comune di Grotte il quale “ha voluto scongiurare il pericolo di un’emergenza sanitaria” e invita il sindaco di Ribera Pace a riferire in consiglio.

rete-fognaria-2

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO