Ribera/Santo Stefano Quisquina : La neve blocca i sindaci per due vertici a Palermo su case popolari e acqua potabile

1948

La neve e la grandine, cadute abbondantemente in questi giorni, continua a bloccare la viabilità e lo spostamento dei cittadini. Ne hanno fatto le spese ieri mattina i sindaci e gli amministratori comunali di Ribera e di Santo Stefano Quisquina, i quali, separatamente, con le rispettive delegazioni comunali, avrebbero dovuto raggiungere il capoluogo siciliano dove avevano degli appuntamenti già concordati con il presidente Rosario Crocetta e con i dirigenti di alcuni assessorati circa i problemi scottanti di questi giorni che hanno riguardato l’acqua potabile che scarseggia e le case popolari riberesi da appaltare.
Il primo cittadino di Santo Stefano Quisquina Francesco Cacciatore non è potuto partire perché tutte le strade dell’interno montano, attraverso la statale corleonese o lo scorrimento veloce Agrigento-Palermo, erano bloccate dalla neve alta anche 30 centimetri. Il sindaco Cacciatore doveva discutere al Dipartimento Acque e Rifiuti del problema delle sorgenti di Sant’Elia che la Regione Siciliana vorrebbe utilizzare a causa della penuria di acqua potabile alle varie sorgenti.
Il sindaco di Ribera Carmelo Pace, con alcuni consiglieri, è stato bloccato nei pressi di Castelvetrano per la forte grandinata. Doveva raggiungere Palermo ed incontrare il presidente Crocetta con cui accelerare i lavori dell’Urega di Agrigento per l’indizione della gara di appalto dei 60 alloggi popolari da ricostruire. Gli incontri sono stati spostati ad altra data

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here