Ribera: 30 per cento d’acqua in meno nelle case dei riberesi

3199

E’ di circa il 30 per cento la riduzione dell’acqua potabile che arriva nelle abitazioni dei riberesi a causa della diminuzione della portata delle sorgenti dell’interno montano che alimentano gli acquedotti, soprattutto del “Favara” di Burgio. Tra le tante periferie degli operatori di Girgenti Acque, la distribuzione idrica è stata mantenuta a giorni alterni, però è cambiata la durata dell’orario dell’apertura delle saracinesche che, nei vari quartieri urbani, non è più di 5-6, ma appena di 3 ore.
A risentirne subito, soprattutto nei giorni delle festività, sono state quelle famiglie che hanno in casa piccoli serbatoi di 3-5 mila litri d’acqua che si svuotano velocemente prima del prossimo turno di erogazione idrica. E si incontrano pure difficoltà al rifornimento dai privati perché i grossi camion non trasportano poche migliaia di metri cubi d’acqua. La soluzione immediata restano le fontanelle pubbliche del centro urbano che sono state prese quasi d’assalto.
Il problema della riduzione dell’acqua in Sicilia riguarda la decisione adottata da Sicilia Acque, di concerto con la Regione Siciliana, di ridurre nei giorni scorsi ancora del 15 per cento la distribuzione idrica in tutti i comuni gestiti dal servizio da Girgenti Acque, dopo l’altro taglio, del 15 per cento, operato nello scorso mese di ottobre.
A Ribera i serbatoi comunali non si riempiono più integralmente per cui gli operatori locali invitano la popolazione al senso di responsabilità al fine di evitare ogni inutile spreco della sempre più preziosa risorsa idrica.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here