Caltabellotta – Sgombrate dalle loro abitazioni ben 17 famiglie

431

La bomba d’acqua che ha colpito la fascia occidentale della provincia ha causato danni alla montagna che sovrasta il centro urbano e ha costretto il sindaco Paolo Segreto, per garantire l’incolumità pubblica, a fare sgomberare dalle loro abitazioni ben 17 famiglie che hanno trovato da 24 ore alloggio presso parenti e vicini di casa. Lo smottamento del costone, che sovrasta le case ubicate nelle vie Fontanelle, IV novembre e San Sebastiano, ha messo a rischio la sicurezza di ben 36 persone e per fortuna non ha causato danni irreparabili a case e a persone. Soltanto alcune autovetture, poste davanti alle abitazioni, hanno subìto non pochi danni.
A fare la conta dei danni nel tessuto urbano i tecnici comunali, il sindaco Paolo Segreto, gli amministratori comunali e presidente della Commissione Ambiente e Territorio al Senato Giuseppe Marinello, a cui è stato chiesto di intervenire per fronteggiare l’emergenza. Il primo cittadino non ha ritenuto opportuno requisire delle abitazioni sfitte o dei locali privati e pubblici perché le 17 famiglie si sono per il momento sistemate presso dei parenti. Saranno i controlli tecnici, dopo attenti sopralluoghi, a stabilire se i nuclei familiari potranno tornare nelle loro case. Intanto, la giunta comunale ha proclamato lo stato di emergenza e di calamità naturale, anche per altri smottamenti della montagna, nella via Bonfiglio chiusa parzialmente al transito per i detriti e per il pericolo che incombe.Caltabellotta alluvione 1

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO