Ribera: Le strade di campagna e le trazzere allo sfascio

935

Le strade rotabili di campagna e le cosiddette trazzere sono totalmente allo sfascio su tutto il territorio comunale e rischiano, per l‘intransitabilità dannosa per i mezzi e pericolosa per gli utenti, di infliggere un colpo basso all’agricoltura e alle aziende, molte delle quali rischiano di chiudere i battenti. La segnalazione pressante e continua ci viene da centinaia di agricoltori che da tempo hanno indicato all’amministrazione comunale e alle organizzazioni professionali agricole le gravi difficoltà a recarsi in campagna.
Tra le tante vie di comunicazione, tutte precarie, la situazione è pesantissima nelle contrade Donna, Maenza e Mangiagallo dove le strade attraversano ben tre feudi, sulle due rotabili di contrada Castellana nella valle del fiume Magazzolo, sulla cosiddetta trazzera di Sciacca che passa per tutto il territorio riberese da oriente ad occidente e sulla strada-trazzera di Scirinda che da Ribera porta agli agrumeti della valle del fiume Verdura. Difficoltosa la strada che dal centro abitato scende nelle aree agricole di Torre e Mirillo.
L’amministrazione comunale non ha tenuto in considerazione, nell’approvazione del bilancio 2016, del suggerimento dei consiglieri dell’opposizione di inserire 100 mila euro per un primo intervento per le strade di campagna. E’ più pesante Giovanni Caruana, responsabile della Cia. “Il Comune deve uscire dall’equivoco – dice – o preparare le progettualità per partecipare ai bandi del Psr della Regione Siciliana o avere il coraggio di sottoscrivere un mutuo ventennale, come ha fatto il Comune di Sciacca, per un piano straordinario di riqualificazione delle trazzere. Diversamente, migliaia di aziende rischiano di abbandonare la pregiata agricoltura”.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO