Ribera: Mimmo Macaluso “La città deve avere un museo” nell’ex mattatoio comunale

1135

Alla città serve un museo per conservare tutti i reperti rivenuti sul territorio riberese e conservati negli archivi e nei depositi della Sovrintendenza ai Beni Culturali e Ambientali di Agrigento. La proposta è stata avanzata da Mimmo Macaluso, ricercatore e storico, autore di diverse scoperte archeologiche e di significativi eventi culturali, il quale propone di creare un museo nei locali dell’ex mattatoio comunale che può diventare un centro polivalente per raccontare la storia della città e del suo territorio. La struttura da riqualificare, nella grande piazza Matteotti, con tanti posteggi, potrebbe diventare un museo civico per attirare anche dei flussi turistici interessati al castello di Poggio Diana e alla necropoli dell’Anguilla.
Macaluso ricorda che nel museo potrebbero trovare posto parte dei 300 splendidi vasi di ceramica scoperti nella località del Ciavolaro, i reperti portati alla luce nelle 45 tombe di marna in contrada “Anguilla”, il piatto arabo-romano che il sub riberese ha rinvenuto nelle acque di Seccagrande, le ceramiche rinvenute nelle cisterne del castello di Poggio Diana, i resti di alcuni aerei della seconda guerra mondiale, il Macchi 202, lo Junker 88 e il B 24, tirati fuori dal mare riberese dallo stesso Macaluso, documenti, foto e materiale storico sullo statista Francesco Crispi, capo del governo alla fine dell’ 800’, una sala multimediale per visionare i filmati dei siti terrestri e subacquei, pannelli per raccontare la storia recente di Ribera e gli eventi millenari del territorio.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO