Porto Empedocle: Denuncia di Marevivo e Marina Militare su rischi erosione litorale e campagna plastica

332

E’ un stato un vero allarme quello lanciato ieri mattina sui rischi dell’erosione costiera e sul pericolo della plastica a mare durante il convegno che, organizzato dalla Marina Militare Italiana e da Marevivo Sicilia, si è tenuto a bordo dello storico veliero “Palinuro” che ha sostato sul molo “Todaro” del porto di Porto Empedocle. Oggetto della denuncia i rischi che il litorale siciliano, e in particolare quello agrigentino, da Porto Paolo di Menfi sino a Torre di Gaffe di Licata, corre per la continua erosione delle spiagge dalle mareggiate e per la crescente presenza di oggetti di plastica in mare. E’ stato detto che bisogna fare presto perché la situazione è arrivata ad un punto di non ritorno, specie sulle spiagge di Eraclea Minoa, di Siculiana Marina, di Realmonte, di San Leone di Agrigento e di Marina di Palma. Il prof. Giovanni Randazzo ha proposto la costituzione di una regia unica a livello regionale di tutte le istituzioni per affrontare le varie emergenze per ogni litorale. Il dott. Federico Di Penta, responsabile dei rapporti internazionali di Marevivo, si è occupato del problema dell’inquinamento da plastica. Il presidente regionale di Marevivo Fabio Galluzzo ha fatto rilevare che le spiagge di Eraclea Minoa, San Leone e di Porto Palo subiscono impotenti la terribile erosione marina che si può fermare con il rinascimento dunale e con le barriere soffolte marine. Presenti i sindaci del territori interessati: Agrigento, Palma di Montechiaro, Siculiana, Montallegro, Cattolica Eraclea e Menfi. Hanno relazionato Belfiore comandante della “Palinuro”, l’ammiraglio De Felice di Maresicilia, i professori Randazzo e Giacobbe dell’università di Messina, Di Penta e Galluzzo di Marevivo e il dott. Guadagnino dell’assessorato regionale al Territorio. Moderatore il collega Mario Primo Cavaleri. A bordo lezioni di educazione ambientale dei volontari di Marevivo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here