Ribera: Salta il pronto soccorso dell’ospedale, ma per l’utenza pare che cambi poco

4349

La razionalizzazione della rete ospedaliera siciliana, presentata dall’assessore regionale alla Salute Gucciardi, taglia il pronto soccorso dell’ospedale di Ribera, crea qualche allarmismo tra la popolazione e nel comparto della sanità, ma pare che l’utenza cambi davvero poco. La struttura sanitaria di Ribera diventa “Ospedali Riuniti” con l’ospedale di Sciacca, ma avrà la sua sede di pronto intervento ossia un punto territoriale di emergenza (pet) a disposizione dell’utenza non solo locale, ma di tutta la popolazione del distretto sanitario.
I cittadini sembrano preoccupati perché si devono rivolgere ad altre strutture ospedaliere, ma a gettare acqua sul fuoco è il deputato regionale Salvatore Cascio, già componente della commissione Sanità e oggi presidente della 1^ commissione Affari Costituzionali, il quale precisa: “Il pronto soccorso di fatto è stato chiuso nel 2010 dalla riforma sanitaria dell’assessore Russo, ma l’ospedale manterrà i suoi attuali reparti, non chiuderà e il pet avrà medici disponibili in H 24 e un’ambulanza medicalizzata”.
L’on. Cascio, che ieri ha incontrato l’assessore alla Sanità a Palermo, ha comunicato che l’assessore Gucciardi si è dichiarato disponibile a venire a Ribera, in ospedale, per spiegare a tutti, medici, utenti e istituzioni, che la nuova situazione sanitaria non danneggerebbe la struttura ospedaliera della circonvallazione che manterrà i reparti di chirurgia, medicina e geriatria, con il servizio di cardiologia, e con l’aggiunta della riabilitazione della Fondazione Maugeri.
Il problema è che la normativa nazionale della Sanità prevede la chiusura delle sedi del pronto soccorso che non raggiungono le 20 mila prestazioni in un territorio di circa 80 mila abitanti. L’ospedale riberese ha al suo attivo circa 7 mila interventi del pronto soccorso la cui struttura moderna ed avveniristica è stata inaugurata meno di due anni fa e che è costata diverse centinaia di migliaia di euro.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here