Sciacca : La Cgil chiede una sede Inail zonale nella cittadina termale

265

Massimo Raso, segretario generale del sindacato della Cgil, chiede con una lettera inviata all’Inail di Agrigento e di Palermo e al sindaco di Sciacca l’istituzione di una sede staccata dell’ente a Sciacca.
Ecco la richiesta
Raccogliendo e facendo nostra la sollecitazione di tanti Lavoratrici e Lavoratori della zona di Sciacca, con la presente Vi torniamo a chiedere (analoga richiesta l’abbiamo fatta anni fa!) di rendere possibile che agli infortunati della zona di Sciacca possano essere evitati i disagi dello spostamento ad Agrigento.
Chi ha subìto un infortunio, a volte anche grave, è tenuto a presentarsi (anche per diverse volte durante lo stesso infortunio) ad Agrigento per le visite mediche di controllo: questo significa far fronte a spese, dover coinvolgere altri familiari, lo stress di avere a che fare con una sede INAIL dove trovare un parcheggio è un problema ecc.
Non sarebbe molto più semplice se INAIL stabilisse un rapporto con la struttura ospedaliera di Sciacca o con l’ambulatorio medico dell’INPS per avere messo a disposizione un ambulatorio medico ove mandare settimanalmente i propri medici (se non fosse percorribile la strada di un convenzionamento).
I costi per INAIL sarebbero assai contenuti ma il beneficio per le comunità di Sciacca, Ribera, Menfi, Caltabellotta, Calamonaci, Lucca Sicula, Santa Margherita Belice, Montevago, Sambuca di Sicilia, Burgio, Villafranca Sicula sarebbero davvero notevoli.
Ci pare una proposta di assoluto buon senso che va incontro ad un problema reale che speriamo possa essere da Voi esaminato con occhi diversi dal passato ed esitato positivamente.
Cordiali saluti.

Il Segretario Generale Cgil
Massimo RASO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here