Ribera: Amarcord degli alunni di una terza classe del 1976-1977

3508

Si ritrovano dopo 40 anni ben 31 alunni della terza classe di scuola elementare delle Suore dell’Istituto Sant’Anna. Si sono incontrati a Seccagrande nella pizzeria Paradise dove a tavola hanno ricordato gli anni della loro infanzia quando frequentavano la scuola di via Millefiori nell’anno scolastico 1976-77, con l’insegnante suor Anna Gaetanina.
L’incontro è nato quasi per gioco quando la foto d’epoca, scattata allora all’interno del cortile del plesso davanti alla statua della Madonnina, è stata mostrata da Marco Cudia al compagno di classe Gianfranco Falletta. Negli anni gli ex alunni per impegni professionali si ritrovano alcuni a Ribera e altri fuori sede. Con la collaborazione di Giuseppe Bono, i tre compagni, sfruttando le vacanze estive e il rientro di molti ex compagni, lanciano l’appello su whatsapp, incontrano gli amici in ferie e in poco più di 24 ore riescono ad individuare ben 31 compagni dei 36 alunni che componevano la classe. I miracoli e la velocità della tecnologia che ha accorciato tempi e distanze.
Questi gli alunni seduti a tavola davanti ad una pizza: Gianpaolo Arcuri, Gisella Bellavia, Alfonso Bollara, Giuseppe Bono, Claudio Brocca, Santina Di Giovanna, Giovanni Di Carlo, Gianfranco Falletta, Biagio Ferrantello, Marilena Gambino, Paola Maniscalco, Giovanna Marotta, Ciro Marrone, Vito Montana, Ciro Palmeri, Maurizio Piraneo, Renzo Piscione, Giusy Ragusa, Maria Riggi, Dina Scaturro, Giuseppe Schifano, Rosaria Taglialavore, Rosaria Taglialavore, Enza Tortorici, Salvatore Triolo, Giuseppe Vaccaro, Edoardo Vajola, Enza Vella, Vita Verde, Giovanni Vinti, Luisanna Gullo, Stefania D’Alessandro, Vito Failla, Giovanni Cannella, Vincenzo Sortino, Lella Zattolo, Marco Cudia.
Peppe Bono è stato l’artefice delle barzellette d’epoca, ma Gianfranco Falletta ha ricordato la severità delle suore ai fini educativi, la gita a Siracusa, la mensa a scuola, il gioco del pallone e le preghiere del mattino in classe. Amarcord gioioso che sarà ripetuto negli anni a venire.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here