Siculiana: Indagini in corso e stretto riserbo sull’incidente del bambino

1086

Indagini ed interrogatori ancora in corso e stretto riserbo da parte dei carabinieri che si occupano dell’inchiesta sul tragico incidente che ha portato alla morte del bambino di 8 anni, Samuele Miceli, sull’ex strada statale 115, tra Siculiana e Montallegro, nel tardo pomeriggio di martedì. Si potrebbe ipotizzare, stando al fatto che un bambino così piccolo si trovasse alla guida di un motorino “Piaggio Sì” lontano dall’abitato e alle modalità del sinistro stradale, una possibile iscrizione nel registro degli indagati sia dei genitori della piccola vittima che dell’autista della macchina che è venuta in collisione con il mezzo del ragazzino.

Miceli Samuele
Il corpo di Samuele Miceli non è stato ancora restituito alla famiglia, si aspettano le decisioni della magistratura, per cui non si conosce ancora la data dello svolgimento dei funerali in una cittadina sulla quale è piombata una cappa di dolore, cordoglio e di disperazione comune per la tragicità dell’evento. In via Marconi, dove risiede la famiglia, c’è un silenzio religioso e rispettoso del dramma di due genitori colpiti negli affetti più cari ed innocenti.
L’unico a parlare è il sindaco Leonardo Lauricella. “Quando mi è stata riferita la notizia della tragedia sono rimasto affranto, quasi incredulo – afferma il primo cittadino siculianese – ho subito bloccato le manifestazioni di spettacolo in programma alla villa comunale e sino a domenica prossima. Nella giornata dei funerali sarà proclamato dal Comune il lutto cittadino e gli esercizi commerciali dovranno abbassare le saracinesche. Il paese è sconvolto e il cordoglio è unanime”.
Sul luogo del tragedia, nei pressi dell’ex casello stradale, oggi sede del WWF, una larga macchia di sangue sull’asfalto, qualche pezzo di plastica appartenente al motorino, una lunga frenata dei pneumatici della Wolskvagen Passat e soprattutto un mazzo di fiori bianchi posti sul ciglio della strada.
Gli inquirenti dovranno sciogliere diversi interrogativi che tanti si pongono circa la presenza di un ragazzino così piccolo alla guida di un motore, lontano diversi chilometri dal centro abitato, da solo e senza casco. Samuele frequentava la terza classe della locale scuola elementare.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here