Cianciana : Domani la festa del raccolto con la “Manciata di ciciri e favi”

2078

Cianciana cittadina dell’entroterra agrigentino di origine agricola e artigianale oggi è ricca di tanti stranieri di ogni nazionalità che innamoratisi del posto hanno deciso di trasferirsi quì.
Come ogni anno ricorre “la festa del raccolto” con la tradizionale “Manciata di ciciri e favi” che si svolge a fine luglio e dove tutti sono invitati a partecipare alla mangiata.
Questa antichissima tradizione che oggi esalta lo spirito di accoglienza dei ciancianesi è un evento che l’associazione Pro Loco s’impegna sempre ha divulgare come festa povera per la sua natura del contenuto.
I miei ricordi di gioventù mi portano nelle notti del 31 luglio e 1° agosto di ogni anno con le strade di Cianciana illuminate dai fuochi su cui erano messe a cucinare grosse pentole con fave, ceci e frumento. Era un modo per festeggiare non solo la fine dei lavori del raccolto ma per ringraziare il Signore, anche, del buon raccolto.
La sagra, degna di menzione, è “la mangiata di ciciri e favi” che la Pro Loco di Cianciana fa rivivere a tutti i ciancianesi e che, con musica e balli, porta un divertimento che fa molto piacere agli anziani nostalgici.
In occasione di questo evento La Pro Loco ciancianese si stringe attorno alla stessa tavola in una festosa serata. Si degustano fave, ceci e frumento, vino, sfinci, muluna russi e ciciri caliati, panino con panelle e dolci. Viene messa in scena una rappresentazione dell’antica “Pisata” del frumento.
Gli emigranti appena arrivati, per trascorrere le loro vacanze, ritrovano ricordi della loro gioventù e i turisti, amanti di luoghi sconosciuti, possono vivere una sana serata di divertimento all’insegna di odori e sapori siciliani. La manifestazione va valorizzare le tradizioni popolari in un momento in cui gli usi e i costumi possono costituire una valida occasione per il turismo sostenibile.

Una frase degna di mensione:
“Ciciri e favi so’ boni a mangiari ma ti fanno puro l’alma piritari”

Ecco una poesia dialettale di un nostro concittadino, il poeta ciancianese Giuseppe Pulizzi, con la quale si ricorda quest’usanza del 31 luglio.
Li favi cotti
I
C’e na usanza nni lu me paisi
Ca lu trentuno luglio a mezzannotti
Mangianu favi tanti ciancianisi
E fannufesta cu li favi cotti.
Li casdaruna fora sunnu misi
Atturniati di vecchi e picciotti
C’aspettanu ansiusi, a ddu mumentu
II
Lu fumulizzu d’ogni pignatuni
Cu tanta vampa di sutta chi àvi
Fa smòviri la gula a li persuni
Pi lu profumu chi fannu li favi.
Prima chi fussi l’urtimu vudduni
Li fimmini curtisi tanti bravi,
priparanu la tavula cunzata
cu li piatta ‘n mezzu di la strata
III
Li picciutteddi di ogni riuni
Cu tantu preu e soddisfazioni
Vannu cantannu sturneddi e canzuni
Pi dari vita a la tradizioni.
Comu lu jornu di lu pasqualuni
Si sgargianu gridannu a modu soni
E li canzuni sunnu accompagnati
Di scrusciu di coperchia e di pignati
IV
Quannu li favi cotti, già su pronti
Ogn’unu, cu un piattu pi davanti
S’assetta e mangia comu fussi un conti
Pirchì li favi su cosa ‘mpurtanti,
li favi a tempi scarsi eranu fonti
di nutrimentu pi cu avia vacanti
V
Cu ‘sta mangiata di favi di notti
Tra l’armonia di picciotti schetti
Arriva Agustu doppu mezzannotti,
lu misi chi li frutti nni rimetti.
S’acclama, comu dicinu li dotti,
lu misi d’abbunnanza chi trasmetti
la gioia e l’alligria c anni spunta
pi fari festa a la Madonna Assunta

Testo e foto di Gaetano Arfeli

Cianciana festa raccolto 2 Cianciana festa raccolto 1 Cianciana festa raccolto 4

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here