Ribera: La copertura finanziaria per i consorzi di bonifica va in aula all’Ars

849

C’è qualche buona speranza che la copertura finanziaria della Regione Siciliana a favore dei consorzi di bonifica vada in aula all’Assemblea Regionale Siciliana. Da Palermo arrivano notizie che gli emendamenti, presentati dai deputati regionali Giovanni Panepinto e Salvatore Cascio, siano andati in commissione Bilancio e Finanze per proseguire l’iter, secondo quanto ha dichiarato il presidente dell’Ars Ardizzone, direttamente in aula nei prossimi giorni per l’approvazione.
Si parla della somma di circa 5 milioni di euro che, se individuati, consentiranno al consorzio di bonifica 3 Agrigento e a tutte le altre strutture consortili siciliane di potere continuare a vivere. C’è la speranza concreta che possano essere individuate quelle somme di denaro necessarie per finanziare l’attività dei consorzi di bonifica, per far proseguire la campagna irrigua attualmente in corso e soprattutto per consentire ai lavoratori stagionali di potere raggiungere le 78 giornate di servizio.
Nelle more di attuazione del provvedimento legislativo, oggi tutte le organizzazioni professionali agricole agrigentine e siciliane continuano a chiedere alla struttura consortile di competenza territoriale la revoca del provvedimento del pagamento delle somme di denaro riferite alla differenza dei consumi idrici per agli anni 2012-2014 e del canone irriguo che sono stati aumentati.
Ovunque vengono imposti agli agricoltori ruoli consortili più che raddoppiati rispetto alla stagione precedente, con l’obbligo di regolarizzare le morosità pregresse, con il risultato che si registrano minori entrate, le campagne rimangono assetate e non si distribuisce l’acqua con grave danno economico per le produzioni e per gli impianti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here