Ribera: famiglia riberese trova la casa occupata e il tribunale condanna gli occupanti abusivi

11621

E’ incredibile a credersi che una famiglia di 4 persone vada per pochi giorni in Germania al matrimonio del figlio e, nel contempo, per una visita medica ad un congiunto e venga a sapere dai vicini di casa che la sua abitazione popolare a Ribera, posta nel viale degli Appennini, venga occupata da un nucleo familiare abusivo che, con 4 componenti, si installa nella casa dell’Iacp, dopo aver buttato fuori e messi in giardino tutti i mobili della proprietaria-assegnataria, la signor Rosalia Lana.
E’ di ieri la sentenza del tribunale di Sciacca, del Gup dott. Cucinella, che ha condannato la famiglia, che si era installata abusivamente nella casa popolare del rione della circonvallazione, ad un anno ed 8 mesi di reclusione con la condizionale e ad un provvisorio risarcimento di danni di circa 5 mila euro con l’imputazione di violazione di domicilio con violenza.
Secondo l’avvocato della donna, la riberese Rosaria Giacomazzo, si tratta di una sentenza esemplare, storica e di grande valore sociale, una delle poche emesse oggi in Italia, che farà certamente giurisprudenza. La vicenda risale all’inizio di luglio del 2014 quando la famiglia Lana è partita per la Germania e quando, tornata subito, si è rivolta con una denuncia all’Arma dei Carabinieri. Ci sono voluti documenti di assegnazione dell’alloggio dell’Iacp, bollette di acqua, luce e gas e testimonianza dei vicini per fare emettere al tribunale di Sciacca un provvedimento di misura cautelare per gli occupanti abusivi i quali, allontanatisi, hanno permesso alla signora Lana di rientrare in possesso della sua abitazione dopo due mesi di permanenza come ospite presso dei parenti. Pare che sia un caso unico in tutta la provincia.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here