Ribera: La copertura finanziaria per i consorzi di bonifica va in aula all’Ars

706

Ribera: La copertura finanziaria per i consorzi di bonifica va in aula all’Ars
C’è qualche buona speranza che la copertura finanziaria della Regione Siciliana a favore dei consorzi di bonifica vada in aula all’Assemblea Regionale Siciliana. Da Palermo arrivano notizie che gli emendamenti, presentati dal deputato regionale Giovanni Panepinto, vadano oggi in commissione Bilancio e Finanze per proseguire l’iter, secondo quanto ha dichiarato il presidente dell’Ars Ardizzone, direttamente in aula nei prossimi giorni.
Dunque, c’è la speranza che possano essere individuate quelle somme di denaro necessarie per finanziare l’attività dei consorzi di bonifica e per far proseguire la campagna irrigua. Infatti, oggi tutte le organizzazioni professionali agricole continuano a chiedere alla struttura consortile la revoca del provvedimento del pagamento della differenza dei consumi idrici relativamente agli anni 2012-2014 e del canone irriguo.
Ecco l’ultimo documento inviato dall’organizzazione Agrinsieme al presidente della Regione Siciliana e all’assessorato all’Agricoltura.

Al Presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana
Palermo
All’Assessore Regionale alle Risorse Agricole e Forestali
Palermo

Palermo 12/07/2016

La presente per riaffermare la drammatica crisi che attraversano le imprese agricole in molte aree della Sicilia, alle prese con diffusi disservizi dei Consorzi di Bonifica, ritardi nelle manutenzioni e perdite di acqua a dismisura dovute a reti fatiscenti e carenze di interventi finalizzati ad una razionale programmazione delle stagioni Irrigue.
Come se ciò non bastasse ovunque vengono imposti agli agricoltori ruoli consortili più che raddoppiati rispetto alla stagione precedente, con l’obbligo di regolarizzare le morosità pregresse, con il risultato che si registrano minori entrate, le campagne rimangono assetate e non si distribuisce l’acqua con grave danno economico per le produzioni e per gli impianti.
Bisogna ripristinare i trasferimenti finanziari ai Consorzi di Bonifica per consentire la normalità della stagione irrigua, abbattere gli aumenti dei ruoli sospendendone la riscossione ed accelerare le procedure di attuazione della legge Regionale di Riforma della Bonifica nel cui ambito vanno costruite le risposte per un sistema di gestione dei Consorzi di bonifica ripuliti dai debiti, efficienti e democratici.
E’ opportuno che il Governo Regionale e l’ARS produca il massimo impegno nei confronti della Bonifica, riportando tranquillità e serenità nelle campagne e soprattutto nell’area Agrigentina ( Consorzio di Bonifica n. 3 ) ove in modo persistente ed incomprensibile si decide di bloccare l’erogazione dell’acqua per chi non assolve al pagamento del ruolo aumentato in modo inusuale da 15 centesimi a 19 e quindi per differenza 4 centesimi per gli anni 2012-2014.
Per questo auspichiamo da parte dell’ARS e del Governo Regionale maggiore attenzione a difesa delle ragioni degli Imprenditori Agricoli, favorendo la discussione e approvazione di emendamenti rivolti alla soluzione dei bisogni delle aziende agricole e a ristabilire la serenità necessaria di cui l’Agricoltura in questo preciso momento necessita.

Il Portavoce di Agrinsieme
Rosa Giovanna Castagna

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here