Ribera: Le spiagge di Seccagrande, Borgo Bonsignore e Piana Grande senza servizio estivo di vigilanza

1409

Le tre spiagge del litorale riberese, che si estende sul Canale di Sicilia per circa 11 chilometri, rimarranno durante l’estate in cors,o senza servizio di vigilanza e salvataggio perché il Comune di Ribera non avrebbe i soldi per potere pagare un servizio utile a salvare delle vite umane. La notizia è trapelata in questi giorni dagli uffici comunali i cui funzionari hanno messo le mani avanti e hanno ammesso che sulle spiagge di Seccagrande, di Borgo Bonsignore e di Piana Grande non ci saranno le postazioni dei bagnini, in passato situate a qualche metro dal bagnasciuga.

Seccagrande spiaggia  Corvo
Per l’assenza del servizio, i bagnanti, villeggianti e visitatori dovranno fare da se stessi nel senso che una volta al sole o in acqua dovranno fare molta attenzione, specie quando il mare non permette specie a bambini e ad anziani, di potere fare il bagno. La sicurezza sarà cucita sulla loro pelle.
In un recente passato quando l’espletamento del servizio era affidato alla Provincia Regionale di Agrigento, oggi sciolta per legge, che assegnava alle tre località balneari ben tre postazioni con torretta, vigilantes e barca per l’eventuale intervento, gli operatori di una cooperativa giovanile erano riusciti a salvare in un paio di occasioni delle persone anziane che erano entrate in acqua e che stavano per annegare. Un servizio utile e vitale.
Il Comune di Sciacca ha appaltato nei giorni scorsi il servizio di vigilanza ad un’associazione di volontariato per un costo complessivo di circa 54 mila euro per tutta l’estate e per le cinque spiagge del suo litorale. A Ribera si chiedono in molti se qualcosa si poteva fare. Ad ogni modo, il provvedimento che la civica amministrazione dovrebbe adottare subito sarebbe quello di porre in prossimità delle spiagge dei cartelloni ben visibili che avvisino i bagnanti, quasi un promemoria, dell’assenza del servizio di salvataggio a mare. La comunicazione potrebbe almeno dissuadere qualche temerario che vuole fare “l’eroe”.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO